Magdi Allam | Kolòt-Voci

Tag: Magdi Allam

Se gli ebrei buoni sono quelli contro Israele

Un libro di Ottolenghi attacca gli intellettuali tolleranti con l’ Islam e critici verso il sionismo

L’ ultima frontiera del politicamente corretto: rinnegare la propria patria

Il testo qui pubblicato è la prefazione di Magdi Allam al libro di Emanuele Ottolenghi «Autodafé. L’ Europa, gli ebrei e l’ antisemitismo», Lindau, pagine 382, 24, in questi giorni in libreria. Emanuele Ottolenghi ha insegnato Storia d’ Israele all’ Università di Oxford. Ora dirige il Transatlantic Institute di Bruxelles.

Continua a leggere »

Allam e Magiar sugli ebrei dei paesi arabi

Gli arabi senza gli ebrei

Magdi Allam – Corriere della Sera 19 novembre 2004

Israele forziere delle identità arabe mutilate.

Israele depositario della cattiva coscienza dei popoli arabi.

Israele testimonianza vivente della realtà storica dei Paesi arabi tutt’ora negata, falsificata, ignorata.

Vedendo il documentario The silent exodus di Pierre Rehov sull’espulsione e la fuga di un milione di ebrei sefarditi, ho capito meglio la tragedia di comunità che erano parte integrante e fondamentale delle società arabe, e ho soprattutto scoperto l’essenza della catastrofe che si è abbattuta e da cui non si è più risollevata la fin troppo mitizzata Nazione araba. Continua a leggere »

Centenario Sinagoga: Un passo in avanti

Centenario del tempio di Roma, in sinagoga anche islamici

Magdi Allam

ROMA – Per la prima volta in modo così formale ed esplicito tre esponenti delle comunità islamiche hanno messo piede nella sinagoga di Roma. Sarebbe tuttavia enfatico parlare di svolta storica nei difficili rapporti religiosi e politici tra musulmani ed ebrei. Perché in due, Mario Scialoja e Omar Camiletti, sottolineano di esserci andati a titolo personale. Il terzo, Abd al Wahid Pallavicini, è il presidente della Coreis (Comunità religiosa islamica italiana), una piccola anche se influente associazione. E tutti e tre sono italiani convertiti all’Islam. Mentre il 97% dei musulmani sono immigrati. Principale assente è un rappresentante ufficiale della Grande moschea di Roma.

Continua a leggere »