Adin Steinsaltz | Kolòt-Voci

Tag: Adin Steinsaltz

Rabbini e leadership

Discorso  al pranzo annuale dell’Israel Institute for Talmudic Publications, Gerusalemme, 23 Kislev 5774  (25 novembre 2013). Il rabbino Steinsaltz, nato a Gerusalemme nel 1937, è anche filosofo e studioso di fisica, chimica, matematica e sociologia. Ha fondato nel 1965 l’Israel Institute for Talmudic Publications, e ha tradotto il Talmud in ebraico moderno, francese, russo e spagnolo. È stato insignito di diverse lauree honoris causa.

Rav Adin Steinsaltz

Adin SteinsaltzIl “Santo Ebreo” di Pryzucka (Rabbi Yaacov Yosef Rabinovich, 1766-1813) disse un tempo: “All’inizio ci furono i profeti, ma D. vide che la situazione si andava deteriorando, e che i profeti non erano più come prima. Quindi la profezia cessò, e i profeti furono rimpiazzati dai Saggi della Mishnà e del Talmud. Dopo un po’ di tempo anch’essi andarono in declino, e D. mandò i Geonim, ma anch’essi in seguito cominciarono a peggiorare. I Geonim furono allora seguiti dai Grandi Rabbini, i Rishonim e gli Akharonim, ma anch’essi persero di valore. Così D. mandò i Rebbe chassidici, ed ora” disse il Santo Ebreo, “vedo che anche questi vanno deteriorando, ma non so cosa verrà dopo”.

Questa dichiarazione non vale solo per i mutamenti della realtà, ma anche a proposito del fatto che il popolo ebraico in ogni generazione ha avuto dei leader. Non parlo di leadership politica: ci sono capi politici con grandi poteri in mano, ma alla fine anche la memoria dei grandi dittatori svanisce, e diventano come le miriadi di soggetti che ai loro occhi non erano che granelli di polvere. Cosa è rimasto, per esempio, di Nimrod, il capo politico supremo ai tempi del nostro Patriarca Abramo? Forse poche leggende, magari neppure.

Continua a leggere »

Adin Steinsaltz: ” Gli antisemiti sono malati di mente”

«L’unico posto immune è la luna, ma non so ancora per quanto»

Alain Elkann

Rabbino Adin Steinsaltz, perché ha dedicato gran parte della sua vita alla divulgazione del Talmud?

«L’ho studiato, ristudiato e mi sono fatto coinvolgere. Ho capito che avevo l’abilità di far sì che tutti potessero capirlo». Continua a leggere »