Conversioni | Kolòt-Voci

Categoria: Conversioni

Universi diversi

Molte reazioni dei lettori di Kolot al commento iniziale alla notizia (clicca qui) della stampa di manuali di catechismo in ebraico. Sotto una replica alle repliche.

Credo che la prefazione di KOLOT all’articolo di Marco Tosatti sia sbagliato. Come scrive Marco Tosatti, il catechismo in ebraico è designato per “i bambini dei cristiani che vivono in Israele” che vanno alla scuola pubblica e parlano ebraico. Non credo che ci siano intenzioni da parte del padre Pizzaballa o padre David Neuhaus di cercare di convertire i bambini ebrei. Credo sarebbe meglio essere cauti e cercare ulteriore informazione prima di proclamare che ci sia un “Ritorno al medioevo”. Continua a leggere »

Come la Chiesa cattolica continua a evangelizzare gli ebrei. In Israele

A parole la Chiesa cattolica è contraria ai tentativi di conversione nei confronti degli ebrei, ma nei fatti stampa in Israele testi in ebraico. Ritorno al medioevo.

Marco Tosatti

Il primo di tre libri di un catechismo cattolico in ebraico è stato pubblicato a Gerusalemme per aiutare l’insegnamento ai bambini dei cristiani che vivono e lavorano in Israele. “Questi libri sono necessari per i bambini che parlano ebraico, nati nel Paese, così che possano avere accesso in ebraico agli insegnamenti che spiegano che cosa siano la nostra fede e la nostra pratica religiosa di cattolici” ha detto padre David Neuhaus, sj, vicario del Patriarca latino di Gerusalemme. I tre libri si intitolano: “Conosci la Chiesa”, “Conosci Cristo”, e “Conosci le Feste”.

Continua a leggere »

Intrigo internazionale in Comunità

Firenze 2011. Anche questo può succedere in una Comunità ebraica italiana. Sommario: Un’iscrizione alla Comunità ebraica dalla procedura davvero singolare. Un efferato caso di cronaca nera. Documenti che appaiono misteriosamente. Non-ebrei che vogliono convertirsi, ma che sono già ebrei.

Sandro Servi

Premessa Poiché il Consiglio della Comunità ebraica di Firenze ha ritenuto di pubblicare, e diffondendo così, coram populo, una “risoluzione” votata a maggioranza contro il sottoscritto, lo stesso sottoscritto si ritiene obbligato a portare a conoscenza di tutti gli interessati i fatti relativi a quella risoluzione: gli iscritti alla Comunità di Firenze e gli altri lettori potranno così rendersi conto direttamente di che cosa si tratta e di chi siano le responsabilità e le colpe.

Continua a leggere »

Come ti kasherizzo il rabbino

Raccontata da uno dei protagonisti, la storia di Siracusa, dove si investono preziose risorse Ucei per riportare all’ovile un rabbino americano di origini italiane che in pochi anni ha già convertito decine di persone, creato la “Federazione Federazione delle Comunità ebraiche del bacino del Mediterraneo”, aperto una “Scuola rabbinica”. Rinasce il Regno (ebraico) delle Due Sicilie?

Gadi Piperno*

Stefano Di Mauro

Si è scritto in vari numeri precedenti di Pagine Ebraiche della storia degli ebrei in Sicilia. In particolare nel numero di giugno 2010 un intero dossier è stato dedicato al fenomeno del marranesimo in Italia e nel mondo, così come va ricordato che il Moked primaverile del 2010 è stato dedicato allo stesso tema. Proprio in questo Moked sono state poste le basi del Progetto Meridione che nell’anno in corso ha già dato alla luce due eventi: il primo, già riportato nel numero di giugno di quest’anno, a Torre Mileto nei pressi di San Nicandro Garganico, mentre il secondo si è svolto a settembre in Siracusa.

Continua a leggere »

Una settimana con rav Arbib

L’ultimo numero di Pagine Ebraiche, in un corposo inserto dedicato alla figura del rabbino, ha chiesto ai Rabbini capo delle due Comunità più grandi Roma e Milano di descrivere la loro settimana. Ecco il testo del Rabbino capo di Milano, Alfonso Arbib. C’è chi dice che i rabbini si annoiano…

Kolòt inviata per email ha pena delle vostre caselle abbandonate e da oggi va in ferie. Seguiteci su Facebook.

Lunedì 5 giugno

Ore 7.45. Shachrit al tempio centrale di via Guastalla.

Unendo i frequentatori del tempio grande e quelli del tempio piccolo di sotto abbiamo il minian tutte le mattine della settimana. Io ci sono sempre tranne il mercoledì, quando vado a fare shachrit alla scuola ebraica per una tefillah a prima dell’inizio delle lezioni.

Continua a leggere »

Jacob Frank. Dalla kabbalà al cristianesimo

Jacob Frank e il messianismo polacco. Intervista a Massimo Introvigne

Gianni Valente

Professore, chi era Jacob Frank? Era un “messia” dell’ebraismo polacco del Settecento. Ma non è un personaggio che esce dal nulla. Di fenomeni di questo tipo, più o meno clamorosi, ne sono spuntati tanti, negli ultimi due millenni di storia ebraica. Era nato nel 1726 nel villaggio polacco di Korolowka. Suo padre era un seguace di Sabbatai Zevi, un cabalista di Smirne che costituisce il precedente più immediato di Frank, ed è sicuramente una figura di maggior rilievo.

Continua a leggere »

In ricordo di un nonno goy

Pierpaolo Pinhas Punturello

Il giorno che sono salito per la prima volta a Sefer, entrando a pieno diritto nel popolo ebraico ed in quella che ancora oggi è la “mia” comunità, con la mia famiglia di origine decidemmo di festeggiare l’evento offrendo un kiddush. In quella occasione la nostra amica e colonna storica della Comunità napoletana, Alberta Levi Temin, decise, con la sensibilità che la contraddistingue, non solo di fare a me tanti auguri ma anche di complimentarsi con mio padre.

Continua a leggere »