Comunità Ebraiche | Kolòt-Voci

Categoria: Comunità Ebraiche

Bereshìt – L’uomo, corona del creato?

Scialom Bahbout

Perché un uomo del 2020, non necessariamente credente, dovrebbe leggere il libro della Genesi e in particolare la descrizione della creazione? Possiamo dare risposte diverse a questa domanda e tutte accettabili. L’ignoto autore greco del libro “Sul Sublime” – il primo testo di filosofia dell’estetica – risponderebbe che un buon motivo per leggere la Genesi è la bellezza eccezionale del suo primo capitolo: infatti per spiegare cosa sia il “sublime”, l’eccellente per natura, egli sceglie l’inizio della Genesi: “E Dio disse: Sia la luce. E la luce fu”. E’ in effetti un attacco che sconcerta, per la fusione fra estrema semplicità e grandiosità del contenuto: la creazione di tutto dal nulla, in sei parole. Ma non è di questo che voglio parlare, ma piuttosto di quella che è considerata la “Corona della creazione”, cioè della creazione di Adamo.

Continua a leggere »

Deborah Feldman, perdere l’innocenza

Una donna che con difficoltà ha abbandonato la comunità chassidica di Brooklyn dove è nata e cresciuta (UNORTHODOX, bestseller in italiano grazie alla ticinese Abendstern)

Deborah Feldman

Anch’io ho dei segreti. Forse Bubby li conosce, ma non dice niente dei miei fintanto che io non parlo dei suoi. O forse la sua complicità me la sono solo immaginata; è possibile che questo accordo sia unilaterale. Chissà se Bubby spiffererebbe i miei segreti. Io nascondo i miei libri sotto il letto, lei nasconde i suoi tra la biancheria, e una volta all’anno, quando prima della Pesach Zeidy ispeziona la casa frugando tra le nostre cose, ci aggiriamo in preda al panico, nel terrore di essere scoperte.

Zeidy fruga addirittura nel mio cassetto della biancheria. Desiste solamente quando gli dico che quelle sono cose private femminili, infatti non vuole violare la privacy di una donna e dunque passa all’armadio di mia nonna. Quando fruga fra la sua biancheria, anche lei si mette sulla difensiva. Sappiamo entrambe che la nostra minuscola pila di libri secolari scandalizzerebbe mio nonno ancor più di una catasta di chametz, i cibi lievitati che a Pasqua sono proibiti. Bubby probabilmente se la caverebbe con un rimprovero, ma a me il nonno non risparmierebbe tutta la sua ira. Quando il mio zeide si arrabbia, la sua lunga barba sembra sollevarsi ed espandersi su tutta la faccia come una fiamma ardente. Nel calore del suo sdegno mi raggelo all’istante.
«Der tumeneh shprach!» tuona verso di me, quando sente che parlo ai miei cugini in inglese. Zeidy dice che una lingua impura agisce sull’anima come un veleno. Leggere un libro in inglese è ancora peggio, rende la mia anima vulnerabile, è come invitare il diavolo a entrare.

Continua a leggere »

La pandemia che sta spaccando il mondo ebraico ortodosso

Rav Alberto Moshe Somekh

Il Talmud (Sukkah 27b) riporta un’interessante controversia a proposito della festa di Sukkot appena trascorsa. È lecito durante la ricorrenza trasferirsi da una Sukkah all’altra? In altri termini, sono autorizzato ad accogliere l’invito di un parente o di un amico e recarmi a pranzo nella sua Sukkah, sebbene così facendo trascuri la mia? R. Eli’ezer proibisce, mentre la maggioranza dei Maestri lo permette. Secondo una lettura la discussione verte su due interpretazioni contrapposte dello stesso versetto: “Farai la festa di Sukkot per sette giorni” (Devarim 16,13). R. Eli’ezer legge il versetto in relazione alla Sukkah e ne deduce che la stessa Sukkah deve essere adoperata per l’intera settimana, mentre i Chakhamim lo intendono diversamente (cfr. ‘Arokh ha-Shulchan O.Ch. 637,1). È possibile che la discussione non sia solo esegetica, ma anche concettuale: per R. Eli’ezer conterebbe nella Sukkah il valore della continuità (prospettiva diacronica), mentre per i Maestri sarebbe invece più importante il fattore della condivisione (prospettiva sincronica). In ogni caso la Halakhah è stabilita secondo l’opinione della maggioranza: abbiamo cioè il permesso di passare da una Sukkah all’altra.

Continua a leggere »

La stella di Davide indossa la tuta blu

Antisemitismo. «Un proletariato negato», di Leonty Soloweitschik, per Biblion Edizioni. Uno studio sugli operai ebrei e l’uso del razzismo nel movimento operaio, uscito originariamente a Bruxelles nel 1898. «Il fantasma dell’identificazione del mondo ebraico con le classi dirigenti economiche» fece parte del dibattito anche tra i socialisti, spiega la curatrice Maria Grazia Meriggi. Come la «questione sociale» ha incrociato la sua trasformazione in forma etno-razziale. Nel passato e nella sfida dei populismi di oggi

Claudio Vercelli

Mettere insieme la storia del movimento operaio e socialista con la riflessione sull’antisemitismo, ovvero sul suo uso politico come alternativa alla lotta di classe, quindi come sua profonda distorsione non solo morale ma anche e soprattutto sociale e culturale, è un lavoro al quale diversi studiosi francesi si sono ripetutamente dedicati. L’esistenza di una gauche reazionaria che, agli obiettivi di promozione degli interessi dei ceti che rappresentava univa la visione razzista delle relazioni sociali, in ciò incontrandosi con le classi dirigenti dell’epoca, a cavallo tra due secoli, impegnate nella spartizione dell’Africa, è parte fondamentale di uno studio dell’intelaiatura non solo dei nazionalismi dell’epoca ma anche dei processi di accesso alla sfera pubblica delle masse popolari.

Continua a leggere »

Il profeta che ebbe il coraggio di infrangere il messaggio divino

Scialom Bahbout

“Non sorse un profeta in Israele come Mosè ….Per la forza e per le cose grandi e potenti che Mosè aveva operato agli occhi di tutto Israele” (Deuteronomio 34: 10 – 12).

Rashi scrive Nel suo commento: “perché ebbe il coraggio di rompere le tavole ai loro occhi” (cioè agli occhi di tutto Israele). Rashi si basa su un midrash che interpreta le parole del Deuter. 9: 17  “io le ruppi davanti ai vostri occhi” collegandole con le parole che il Signore disse a Mosè “scriverò sulle tavole le parole che erano sulle prime tavole che tu hai spezzato (Deuter. 10: 2) ” (in ebraico le parole ashèr shibbàrta possono essere interpretate come una sorta di approvazione –ishur in ebraico – per averle rotte).

L’episodio della rottura delle tavole viene narrato in Esodo (32: 19): Quando Mosè si avvicinò all’accampamento, vide il vitello e le danze. L’ira di Mosè si accese, lanciò via dalle sue mani le tavole e le spezzò ai piedi del monte. (Esodo 32: 19) Se si passano in rassegna tutte le azioni e gli insegnamenti di Mosè è incredibile che la rottura delle tavole della legge venga considerata l’atto davvero ultimativo che lo farà passare alla storia.

Continua a leggere »

Nuovo machazor e siddur per bambini, la sfida di guardare al futuro

Sara Valentina Di Palma 

Si è tenuta (il 14 settembre) nel giardino del Tempio di Firenze, alla presenza di diversi convenuti, la presentazione del nuovo machazor di Rosh HaShanà curato da rav Amedeo Spagnoletto secondo il minhag fiorentino e del siddur sefardita per i bambini del Talmud Torà curato da rav Gadi Piperno. Entrambi i volumi sono editi da Morashà. Proprio il rabbino capo della Comunità fiorentina, rav Piperno, ha sottolineato la vivacità editoriale che negli ultimi anni ha ruotato intorno alla Comunità – di cui fa parte anche il machazor di Kippùr pubblicato un anno fa sotto la curatela del suo predecessore, rav Spagnoletto.

Continua a leggere »

Ernő Erbstein, il ‘genio ebraico’ che costruì il Grande Torino

Niccolò Mello: ‘Erbstein ha avuto tanti ‘figli’, tutti gli allenatori che hanno cercato un’alternativa al gioco all’italiana’

Michele Caltagirone

Ernő Erbstein, il ‘genio ebraico’ o l’architetto del Grande Torino. Una vita vissuta pericolosamente in un periodo in cui, in un’Europa devastata dalla guerra e percorsa dalla barbarie del nazismo, era un crimine essere semplicemente ‘un ebreo’. Non è facile riassumere in poche righe la parabola di un grande uomo di calcio capace di costruire una delle squadre più celebri di ogni tempo, la morte tragica e prematura ha consegnato lui e tutti i suoi giocatori al mito, il 4 maggio del 1949, quella morte che gli era passata accanto tante volte pochi anni prima, in un periodo storico in cui la follia era diventata ordinaria amministrazione. 

Erbstein è stato però, soprattutto, un uomo di calcio la cui eredità ha permesso di gettare le basi della concezione moderna del ruolo di allenatore. Esponente di quella ‘scuola’ danubiana che, per prima, ha cambiato nella sua essenza il gioco più bello del mondo, ha avuto in Italia diversi ‘eredi’ che, con le loro squadre, sono diventate sinonimo stesso di un calcio offensivo e spettacolare come quello prodotto dal leggendario squadrone granata. Di Erbstein e di altri allenatori ‘ebrei danubiani’ si è occupato di recente in un libro anche il giornalista e scrittore Niccolò Mello a cui abbiamo chiesto di ricostruire dal punto di vista tattico la ‘rivoluzione’ dell’allenatore ungherese.

Continua a leggere »