Una società più giusta parte dalla famiglia | Kolòt-Voci

Una società più giusta parte dalla famiglia

Parashà di Vayèshev

Ishai Richetti – Tempio di via Eupili – Milano

La Mishnà in Pirke Avot (3:18) ci dice: “Egli [Rabbi Akiva] diceva: Amato è l’uomo che è stato creato a immagine di D-o. È un amore ancora più grande che gli sia stato fatto sapere che è stato creato a immagine di D-o”. Cosa significa questo? Immaginiamo un povero che ha un conto in banca con pochi soldi depositati. Non ha guardato se ha fatto soldi in trent’anni. Un giorno, un suo amico si reca di nascosto in banca e deposita un milione di euro sul suo conto. Il pover’uomo, tuttavia, non ha idea che il suo amico lo abbia appena reso milionario. Vaga ancora per le strade e indossa abiti sporchi. Non pensa mai di controllare il suo conto perché non sogna mai che qualcuno gli dia così tanti soldi. Quest’uomo è milionario? Non ha idea di avere i soldi, vive come un mendicante e continuerà a vivere come un mendicante per il resto della sua vita. La risposta è che può avere un milione di euro, ma mentalmente è un uomo povero. La Mishnà insegna che D-o non solo ci ha mostrato il Suo amore perché ci ha creati a Sua immagine, ma ha mostrato un amore extra dicendoci che lo ha fatto. Se D-o ci avesse creato con il potenziale per raggiungere livelli spirituali così elevati, ma non ci avesse mai informato di tale potenziale, non saremmo mai stati all’altezza di poter arrivare alla grandezza.

Rabbì Akiva, l’autore di questa Mishnà, visse una vita molto difficile e sperimentò una morte resa ancora più dolorosa per mano dei romani. Eppure è lui che ci parla dell’amore. “Vuoi sapere cos’è l’amore?” dice Rabbì Akiva. “L’amore è quando dici a qualcuno cosa provi per lui.”

Nessuno in tutta la Torà aveva motivo migliore di Yosef per rinunciare alla vita. In primo luogo, i suoi fratelli hanno cercato di ucciderlo. Poi lo vendettero come schiavo in Egitto e nella casa di Potifar e di sua moglie, che lo calunniarono. Yosef è solo senza alcun supporto e nessuno sa dove sia. Eppure, nonostante tutte le probabilità contro di lui, non cedette alle pressioni e alle avances della moglie di Potifar. “Vaymaen Yosef”, “Ma Yosef ha categoricamente rifiutato…” Rifiutò con forza qualsiasi cosa e tutto ciò che la moglie di Potifar fece per cercare di sedurlo. Ma come ha fatto? Come poteva respingerla così fermamente con incrollabile determinazione quando nulla stava andando per il verso giusto? Che cosa ha dato a Yosef la forza di resistere alle seduzioni quotidiane, mentre si trovava in terra straniera a causa delle gesta di fratelli che lo odiano, strappato alla sua famiglia e al suo ambiente, vivendo in una cultura votata alla soddisfazione dei propri impulsi?

In Parshat Vayeshev, c’è un altro caso in cui viene usata la parola Vaymaen. “Vaymaen lehitnachem”, “E Yaakov si rifiutò di essere consolato…” Yaakov Avinu si rifiutò di credere ai suoi figli quando tornarono con una giacca intrisa di sangue e riferirono che Yosef era stato attaccato da un animale e fatto a pezzi . Yosef, a centinaia di miglia di distanza, era solo, solitario e minacciato dalla moglie di Potifar. Ma aveva una cosa. Sapeva che suo padre credeva in lui e lo amava. “So che mio padre, Yaakov, non si arrenderà mai con me. Non so cosa gli stiano dicendo i miei fratelli, ma so che finché non sarò morto e non vedrà il mio corpo, rifiuterà di essere consolato!” Il Vaymaen espresso da Yaakov è stato ripreso da Yosef perché Yosef sapeva che se suo padre si fosse rifiutato di essere consolato, avrebbe potuto rifiutarsi di cedere alle pressioni e alle sfide che avrebbe dovuto affrontare nella vita.

Come ebrei, crediamo che ci siano altri strati che compongono la nostra esistenza. Abbiamo un’anima e uno spirito che vivono all’interno dei nostri corpi fisici. La nostra anima e il nostro spirito includono i nostri mondi emotivi e interni, così come la componente divina che vive dentro di noi. Il corpo con il tempo si deteriora e muore. Ma l’anima è eterna. Quando siamo consapevoli dell’esistenza dell’anima eterna e la prendiamo in considerazione quando affrontiamo le sfide e facciamo delle scelte, possiamo superare gli impulsi negativi, anche quando sembrano travolgenti. La consapevolezza dell’anima porta al mondo un livello più alto di moralità e valori importanti, come l’uguaglianza, la libertà e i diritti individuali, la giustizia, l’integrità e la santità. Yosef è un modello per superare la tentazione e gli impulsi proibiti, e per i valori più alti che ci sono stati lasciati in eredità dai patriarchi, Avraham, Itzchak e Yaakov.

Genitori e parenti non devono mai sottovalutare quanto sia importante per un bambino sentire le parole “Ti amo, ti sono vicino”, “Non importa quanto siamo lontani e quanto sia profondo e oscuro il momento che stai attraversando, hai una madre e un padre che non si arrenderanno mai e poi mai”. Quando un bambino sente queste parole, ce la farà. Nostro compito è dar loro gli strumenti, attraverso i nostri insegnamenti, attraverso il nostro esempio, attraverso la trasmissione della shemirat mitzvot, dei minhaghim, degli atti di chesed e attraverso il nostro amore e la nostra vicinanza non solo fisica ma anche di parole e di incoraggiamento. In questo modo si potrà garantire la continuità, la fratellanza e la costruzione di una società più giusta ed equilibrata partendo dal nucleo della vita ebraica, la nostra famiglia