I molti punti deboli della risposta del Sindaco Nogarin alla Comunità Ebraica di Livorno | Kolòt-Voci

I molti punti deboli della risposta del Sindaco Nogarin alla Comunità Ebraica di Livorno

Sono diversi i punti deboli della risposta che il Sindaco Nogarin ha dato alla Comunità Ebraica di Livorno, in replica alla lettera critica inviata a firma del Presidente Mosseri. Vediamoli

Gadi Polacco

Gadi Polacco– circa la questione relativa al Consigliere Valiani è troppo semplice, quasi da furbesco apparato burocratico, dire che spetterebbe al Presidente del Consiglio Comunale intervenire. Siamo al famoso “non è di mia competenza” : ma in politica, salvo pagarne lo scotto almeno in termini di credibilità, non ci si può sottrarre dal prendere posizione, specialmente quando si rivesta carica primaria. Ciò vale però anche per il pesante silenzio,al riguardo, delle altre forze politiche (con l’eccezione dei Liberali)e ovviamente del Presidente del Consiglio Comunale;

– non mi pare che,nella lettera della Comunità,si esprimesse “fastidio” per le dichiarazioni del Cons. Valiani “dove accosta l’ebraismo al mondo massonico”. Spero che questa sia una frettolosa lettura da parte del Sindaco e non il tentativo di “arruolare” la Comunità Ebraica nella battaglia antimassonica che sembra,talvolta con contorni maniacali,caratterizzare gran parte del mondo M5S. Comunità Ebraica e Massoneria sono,ovviamente,cose diverse,autonome e distinte ma il rilievo, grave non coglierlo o non volerlo cogliere, riguardava la riproposizione dello stereotipo del complotto “demo-pluto-giudaico-massonico” caro anche al regime (razzista) fascista;

– gli episodi (dallo striscione antisraeliano, per passare dal gemellaggio con Gaza ovvero Hamas per arrivare ai giorni nostri con due manifestazioni spudoratamente filopalestinesi e d’indottrinamento con l’uso di tutti gli stereotipi tipici di certe associazioni) richiamati non mi pare che siano stati ” visti come sgarbi di questa giunta nei confronti della Comunità Ebraica” : sono sgarbi nei confronti del dovere di chi amministra di rappresentare l’intera cittadinanza e sono sgarbi nei confronti di questa che ha diritto non a patrocini di iniziative per indottrinarla ma nel caso a proposte equilibrate, presenti quindi le varie diverse voci, così da poter poi trarre autonomamente le proprie conclusioni;

– significativa è poi la frase “ma è per me chiaro che fin quando queste posizioni rimarranno distanti e mancherà la volontà di incontrarsi e discutere assieme, la questione della convivenza in Terra Santa è destinata a rimanere ostaggio di due verità”. Ora, spero che non si abbia l’ambizione,dal Comune di Livorno, di risolvere la questione mediorientale,peraltro deputata ad altre sedi. Ma come non rilevare la palese contraddizione tra l’agire e il dichiarare del Sindaco e della sua Amministrazione? Per “discutere assieme” , banale e quindi vero, occorre dar vita a iniziative pluralistiche mentre le due patrocinate dal Comune, sotto l’egida del percorso “Livorno delle Genti” che assume così connotati ipocriti,non lo sono state.

Lascerei poi perdere la “Terra Santa” , definizione spesso usata per non pronunciare l’impronunciabile,per alcuni spero non per il Sindaco, Israele e che, peraltro, ha più vasti confini.

Infine, da dove si ricava che la Comunità accusa il Comune di ” voler fomentare l’antisemitismo “?

“La lingua batte dove il dente duole” , recita il noto detto, e mi pare di intravedere in questo passaggio un ulteriore cenno contraddittorio e d’imbarazzo da parte del Sindaco.

La parola comunque, ora agli atti, per capire se la disponibilità espressa, sia reale o solo di facciata.

Nel rispetto della cittadinanza tutta, non certo per fare un “tollerante” favore alla Comunità Ebraica.

Gadi Polacco
Comunitando

http://comunitando-blog.blogspot.it/2015/12/i-molti-punti-deboli-della-risposta-del.html
www.livornoebraica.org