Qinot, le elegie del nove di av | Kolòt-Voci

Qinot, le elegie del nove di av

Riccardo Di Segni

Mentre inizia il mese di Av, l’attenzione si dovrebbe concentrare sui drammi della nostra storia. Le pagine dei libri di tefillà di questi giorni sono piene di testi speciali, le qinòt, elegie composte per ricordare i tristi eventi, che verranno lette il 9 di Av. E’ un modo molto particolare e abbastanza eccezionale con cui la nostra tradizione ha reagito al negativo.

Il nucleo centrale di questi testi è nell’opera di un poeta di cui poco si conosce, Elazar al Qalir. Il resto è una catena ininterrotta di testi sefarditi, ashkenaziti, italiani. Sono testi a volta molto tecnici nella costruzione poetica, a volte poco chiari, altre volte drammatici come un pugno nello stomaco per quello che dicono. Spesso sono cantati con melodie struggenti. I vari riti pescano in questa tradizione, facendo ciascuno la sua selezione. Tra i testi medievali ci sono quelli che raccontano i massacri dei Crociati. Dopo la Shoà è stata composta qualche nuova qinà, che fatica ad entrare nelle abitudini consolidate, proponendo il problema di come unire vecchio e nuovo.

Qualche anno fa ci fu una polemica a Torino (non è una novità) contro il rabbino capo che non gradiva l’inserimento di un testo in ricordo della Shoà e della rivolta del Ghetto di Varsavia durante la cena del Seder. E’ interessante notare che proprio a Torino, non si sa da quando, la lettura tradizionale delle qinòt è stata abolita nella preghiera del mattino, per essere sostituita da un formulario speciale a mezzogiorno (autorevole ma molto più recente). Strane contraddizioni in cui si fa fatica a mettere le cose giuste al momento giusto.

Dalla newsletter L’Unione Informa