Dellai racconta la storia di un musicista ebreo salvato dai partigiani | Kolòt-Voci

Dellai racconta la storia di un musicista ebreo salvato dai partigiani

Il film s’intitola “Oscar” come il personaggio reale

Matteo Marcolin

Alle 10.30, ieri mattina, il set era già allestito. Luci posizionate, cineprese montate, i vestiti degli attori stirati sugli appendiabiti e pronti per essere indossati. A villa Tretti Brazzale a Campodoro è stato battuto il primo ciak del nuovo film di Dennis Dellai. Ad un anno e mezzo dall’uscita di Terre rosse, la troupe del regista thienese che è anche redattore del nostro Giornale è tornata al lavoro per raccontare un’altra toccante vicenda umana accaduta nel Vicentino durante la seconda guerra mondiale.

Dopo avere rievocato le storie di affetti stroncati dalla guerra, questa volta Dellai vuole raccontare la drammatica esperienza realmente vissuta ad Arsiero dal giovane musicista ebreo Oscar Klein, salvatosi dalla deportazione grazie all’aiuto dei partigiani. Il titolo provvisorio del film trae origine proprio dal nome del protagonista (Oscar), noto jazzista scomparso nel 2006.

Si tratta del secondo lungometraggio a soggetto firmato da Dellai, che in passato era stato autore anche di una docufiction sulla storia di Thiene e di altri documentari a carattere storico. Per l’occasione ha rimesso assieme la stessa squadra di collaboratori che avevano lavorato a Terre Rosse, cercando di dare spazio a giovani con cui si era confrontato sul set del precedente lavoro. La sceneggiatura è di Giacomo Turbian. Anche la scelta del cast è stata pensata con l’obiettivo di dare un’ opportunità ai talenti non ancora affermati, affiancandoli ad interpreti di spessore del panorama teatrale berico.

Ieri il via ufficiale, in un clima di entusiasmo ed emozione. Le prime scene sono state interpretate da Adriano Marcolini (padre di Oscar), Daniele Berardi (maresciallo dei carabinieri), Raffaella Giulianati, Annarita Scaramella ed Eleonora Fontana, all’interno della villa liberty che si trova al confine tra Vicenza e Padova. È’ stato girato uno dei momenti più drammatici della storia.

«Devo ringraziare tutti coloro che hanno creduto in questo nuovo progetto- ha precisato Dellai – nonostante non sia il primo lavoro siamo tutti molto emozionati».

Il film verrà integralmente girato all’interno del territorio provinciale, grazie alla sinergia tra enti locali, istituzioni e privati. Le riprese proseguiranno per diversi mesi e l’intero progetto coinvolgerà centinaia di volontari tra comparse, attori protagonisti e tecnici. I dettagli verranno forniti nel corso di una conferenza stampa in programma ai primi di luglio a Vicenza.

Fonte