Tefillà | Kolòt-Voci

Tag: Tefillà

La preghiera per un malato terminale colpito da enormi sofferenze

Alfredo Mordehai Rabello

euthanasia4-1-770x512Possiamo dire che in linea generale la Torà vieta di accelerare, in modo diretto od indiretto, la morte di un malato terminale, colpito da sofferenze. Le fonti ebraiche danno tuttavia la possibilità di rivolgersi a D-o con la preghiera.

Il primo testo rilevante è Talmud  Babilonese, Ketubot,104 a:

“È raccontato che il giorno in cui riposò l’anima  [= morì] di Rabbì Jehudà [il redattore della Mishnà] i Rabbanim decretarono un digiuno e chiesero pietà [dal Cielo]….

In un primo momento la serva di Rabbì Jehudà  [che conosceva bene la Torà e fungeva da infermiera] si associò alla Tefillà dei Rabbanim:

“La serva di Rabbì Jehudà salì sul tetto, [e] disse: i superiori richiedono Rabbi e gli inferiori richiedono Rabbi – Ti sia  gradito che gli inferiori pieghino i superiori.”

Spiega il Maarsha [Rabbì Shmuel Eideles. 1555 Krakow, Polonia – 1631 Austria ] che i superiori  rappresentano l’anima   mentre gli inferiori il corpo.

In un secondo momento pero`, la serva,  colpita dalle enormi sofferenze causate a Rabbi dalla malattia intestinale di cui soffriva, cercando di fare smettere per un momento la Tefilla` dei Rabbini con uno stratagemma, pregò  che fosse gradito al Signore che i superiori pieghino gli inferiori; la sua preghiera fu esaudita e Rabbi morì.  [Si veda Rav Shelomo Goren, Torat Harefuà, Gerusalemme, 2001, p. 49 (in ebraico)].

Scrive a tal proposito Rabbenu Nissim Gherondi (il Ran, XIV secolo): “mi sembra che questa sia l’intenzione del Talmud, talvolta dobbiamo chiedere pietà per il malato che muoia, come quando l’ammalato soffre parecchio e non può vivere, come e` riportato a proposito di Rabbi”. Il Ran ritiene quindi che avesse ragione la serva di Rabbi Jehuda hanassi` e non gli altri Saggi e si puo` arrivare alla conclusione che la halacha` ribadisce il divieto di agire per sollevare il malato con azioni che ne affrettino la morte, mentre sara` azione meritevole pregare per lui che possa avere una agonia breve.  Continua a leggere »

Roma: La tefillà e il Bet Hakkeneset

IMG_0017

“La Tefillà e il Bet HaKneset” è il titolo della serata di studio in memoria del Hazan Parnas Aldo Efrati z.l. in occasione del ventesimo anniversario dalla sua scomparsa, che si terrà nei giardini del Tempio maggiore giovedi 29 maggio alle ore 20, cui prenderanno parte molte voci del rabbinato italiano a partire dal rav Riccardo Di Segni rabbino capo di Roma, il rav Vittorio Della Rocca che con Efrati dette inizio ai suoi studi rabbinici nell’immediato dopoguerra e il rav Alberto Funaro con cui ha condiviso tanti anni di hazanut, il rav Scialom Bahbout, il rav Benedetto Carucci Viterbi, il rav Roberto Colombo, il rav Umberto Piperno, il rav Alberto Sermoneta, il rav Amedeo Spagnoletto e per concludere suo figlio Cesare Efrati.

Continua a leggere »