Parigi | Kolòt-Voci

Tag: Parigi

A Parigi il rabbino ha lavorato come modella

Delphine Horvilleur 39 anni, guida la sinagoga di Beaugrenelle. Manda i figli alla scuola pubblica e lotta per la laicità.

Anais Ginori

RabbinoModellaNella sinagoga di Beaugrenelle la chiamano Rabbi Horvilleur oppure, semplicemente, Madame le Rabbin. «Ognuno trova, come può, un compromesso linguistico», scherza Delphine Horvilleur. L’unica definizione che non accetta è “rabbina”, nome con cui si chiama di solito la moglie del rabbino. Sono sfumature, piccoli aggiustamenti semantici di una rivoluzione in corso. A 39 anni Horvilleur guida la sinagoga del XV arrondissement sfidando i pregiudizi. «Certo – ammette – capita ancora di trovare persone che mi chiedono se posso lavorare mentre ho il ciclo mestruale, ma non importa». Sposata, madre di tre figli, ha appena firmato un libro sulla presunta misoginia nella religione, dal titolo En tenue d’Ève, in un periodo in cui si parla tanto di integralismi soprattutto islamici. «Le tre religioni monoteiste – ricorda – sono state tutte più o meno misogine a seconda dei periodi della Storia».

Continua a leggere »

Cinema: The round up – La deportazione degli ebrei di Parigi


Continua a leggere »

Auschwitz a Parigi

Presentazione del libro: Martedì 6/7 a Milano. Ispi, via Clerici 5 alle  20.45.


Il sequestro dell’ebreo Halimi in un campo di concentramento fatto in casa, l’indifferenza della Francia, il dolore di una madre che parla

Alessandro Schwed

Finalmente esce in Italia per Salomone Belforte, antica casa editrice ebraica, il libro che racconta uno dei pi atroci casi del presente antisemita: 24 giorni, la verità sulla morte di Ilan Halimi. Quasi un diario postumo del rapimento, narrato dalla madre di Ilan, Ruth, ebraica mater dolorosa, la cui voce è rielaborata con discrezione da Emilie Freche. Ne esce un racconto in prima persona del rapimento del figlio, della sua disumana prigionia, della ferocia delle trattative.

Continua a leggere »

Il nuovo antisemitismo, socialismo degli imbecilli

David Bidussa

La sera di sabato scorso a Parigi alle 19 mentre per le strade si festeggia la festa per il solstizio alcuni giovani vedono un loro coetaneo, lo picchiano selvaggiamente, lo lasciano sul marciapiede e se ne vanno. Il giovane ferito – ora in coma – si chiama Rudy Haddad, ha 17 anni (nell’immagine a fianco alcuni amici attendono davanti all’ospedale Cochin dove il giovane è stato ricoverato). Che cosa abbia fatto di concreto ancora non è dato sapere. In ogni caso non sembra che sia un dato importante.

Continua a leggere »

Maccartismo per gli ebrei

Haaretz: antisemitismo in Francia e l’identità degli ebrei francesi :  Presto in Italia?

Amiram Barkat

Il prof. Daniel Dayan racconta un aneddoto per spiegare la propria teoria sull’esclusione degli ebrei dalla società francese. Sono stati, dice, spinti fuori dal più generale “pubblico” francese. Questo senso di esclusione dai media francesi – che lo stesso Dayan afferma di aver sperimentato – può essere anche visto come una finestra sulle motivazioni nascoste dell’uomo, che confessa di non essere obiettivo e ammette di stare “creando un caso”. Continua a leggere »