Netanyahu | Kolòt-Voci

Tag: Netanyahu

Quella faccia tosta di Bibi

Sarà referendum su Netanyahu, un caratteraccio di cui Israele si fida. Storia di un guardiano solo e sospettoso. AI primi di marzo Netanyahu parlerà al Congresso degli Stati Uniti. Poi, il 17 marzo, correrà per le elezioni di Israele

Giulio Meotti 

R600x__Netanyahu_2326735bEra il 1997 quando un giornalista di Haaretz, Ari Shavit, scrisse un pezzo intitolato “L’anno dell’odio per Bibi”. Quell’odio dura da vent’anni. Ai primi di marzo Benjamin Netanyahu parlerà per la terza volta al Congresso degli Stati Uniti. E sarà un record, perché l’unico leader straniero a cui è stato concesso un tale onore è stato l’inglese Winston Churchill. Pochi giorni dopo, Netanyahu andrà a elezioni. E se venisse rieletto batterebbe un altro record: sarebbe il primo ministro israeliano più a lungo al potere, anche più del patriarca David Ben Gurion che dominò gli anni Cinquanta e Sessanta.

Continua a leggere »

Qualche risposta a Ugo Tramballi

Kolot ha pubblicato venerdì un articolo di Ugo Tramballi (CLICCA QUI) che ha stupito qualcuno e indignato molti. Ecco qualche reazione da Facebook e pervenuta via mail.

Ugo-Tramballi NOCaro David, quel che hai pubblicato non è un bell’articolo, è un esempio da manuale dell’antisemitismo (magari inconscio, ma non lo so) e dell’ipocrisia della stampa italiana. Cominciamo dall’inizio: Bibi Netanyahu “autoinvitato” a Parigi “per fare campagna elettorale”? Se in Austria fossero stati ammazzati quattro italiani, avrebbe osato l’Austria non invitare Renzi? E se ci fosse andato comunque, avremmo detto che l’avrebbe fatto per campagna elettorale e per rispetto al suolo? E chi ha offeso chi, Hollande a non volere Netanyahu, o Netanyahu a volere comunque riaffermare che gli ebrei sono le vittime principali del terrororismo?

E’ più civile la Francia di Israele? La Francia che non riesce (o non vuole) fermare l’antisemitismo, la Francia delle 400 e rotte aggressioni antisemiti dell’ultimo mese, la Francia che ha rastrellato i suoi ebrei per i nazisti, la Francia del Caso Dreyfus? Non è pregiudizio antisemita anche solo pensare una cosa del genere?

Continua a leggere »