Hashomer Hatzair | Kolòt-Voci

Tag: Hashomer Hatzair

Sfidano i missili per discutere degli ideali

Sull’incontro estivo mondiale dell’Hashomer Hatzair

“Sfidano i missili per discutere degli ideali” così il Jerusalem Post intitolava il suo articolo sulla veidà dell’Hashomer Hatzair, meeting di rappresentanti mondiali tenutosi nel kibbutz di Holit, a meno di un chilometro da Gaza. Se senza dubbio, per noi partecipanti un rischio reale di essere colpiti da un kassam non c’era, “sfidare i missili” è un’espressione ottimale per ricreare lo spirito che ha animato quei quattro giorni, e che siamo speranzosi man mano si propaghi in tutti i centri del movimento. Il motivo dell’incontro era appunto quello di ridefinire la nostra linea ideologica tutti insieme, in modo che dall’Australia, alla Bielorussia, all’Uruguay, potessimo sentirci tutti parte dello stesso meraviglioso ente, e che tutti, nonostante le realtà davvero lontane tra loro, potessimo avere un motivo comune ad animarci e a poterci dare più rilevanza.

Continua a leggere »

Vietata ai minori

Una delle responsabili dei movimenti giovanili solleva qualche interrogativo sulla manifestazione Pro-Israele a Milano del 12.1.2009

E’ notte fonda mentre scrivo, poiché sono tornata da poco dalla serata a sostegno di Israele al Teatro Strehler. Ho ascoltato con interesse i molti interventi di note personalità del mondo della politica e del giornalismo, e questo mi ha dato una serie di spunti per una riflessione, sorta pian piano durante la serata. Questo tipo di eventi, che catturano l’interesse dei media e si svolgono solo sporadicamente, sono le occasioni in cui la Comunità Ebraica si espone di fronte al resto della società milanese e si fa conoscere. A seconda di chi sale sul palco gli altri si fanno un’idea ben precisa di chi siamo, di quali sono i nostri valori e le nostre priorità.

Continua a leggere »

Una campagna per l’Hashomer Hatzair (2)*

Per sostenere questa campagna, Kolòt ha chiesto a ex-hashomeristi di scrivere che cosa è stato per loro il movimento. Continuiamo con Gabriele Eschenazi, giornalista RCS.

Valori ebraici e valori universali

“Paam shomer, tamid shomer” (Una volta shomer, per sempre shomer) si diceva spesso al movimento. Con queste parole si voleva sottolineare come una volta assimilati gli ideali dell’Hashomer Hatzair questi non si potessero più perdere. In quest’idea c’era certamente una buona dose di sano fanatismo giovanile, ma anche una buona dose di verità come oggi avverto a trent’anni di distanza. Pochi di noi, ex-haverim, vivono oggi in Israele, ma la lezione dell’Hashomer, secondo me, non è andata perduta per questo. In ognuno di noi sono rimasti profondi valori ebraici ed umani che ci guidano nelle nostre diverse esperienze di vita.

Continua a leggere »

Una campagna per l’Hashomer Hatzair (1)

Basta osservare l’attuale classe dirigente ebraica in Italia (e spesso anche all’estero) per capire che la stragrande maggioranza (rabbini, consiglieri, segretari, presidenti di associazioni) si è formata in uno dei due movimenti giovanili presenti oramai da più di mezzo secolo: l’Hashomer Hatzair, sionista e socialista e il Benè Akiva, sionista e religioso.

Oggi, per uno scherzo della storia, proprio da Israele arrivano sempre meno fondi per le attività che oltre a formare una forte coscienza ebraica, indirizzano i ragazzi verso l’alià in Israele. Particolarmente critica la situazione dell’Hashomer che a Milano questa domenica 13 gennaio organizza un concerto di raccolta fondi. Per tutti coloro che non riusciranno a partecipare o vorranno aiutare anche in seguito, anche con piccole cifre, indichiamo sotto gli estremi del conto corrente per un bonifico che aiuterà non solo i nostri ragazzi di oggi ma anche i nostri dirigenti di domani.

Per lanciare questa campagna, Kolòt ha chiesto a ex-hashomeristi di scrivere che cosa è stato per loro il movimento. Iniziamo con l’onorevole Emanuele Fiano, deputato PD alla Camera.

Continua a leggere »