Educazione ebraica | Kolòt-Voci

Tag: Educazione ebraica

Una soluzione parziale

Da Firenze una critica all’articolo su Kolòt di ieri di rav Della Rocca sul futuro dell’educazione ebraica

Hulda Liberanome

Caro rav Della Rocca, Lei pone domande della massima importanza per il futuro dell’ebraismo ed in definitiva non solo dell’ebraismo italiano . Quale è , la cito, l’ebreo che vogliamo aiutare di formare e più in là scrive che dobbiamo iniziare a sviluppare una visione dell’identità ebraica attuale e autonoma. Giusto. Ma quale ebreo , vogliamo formare è la domanda che si chiedono in moltissimi nel mondo ebraico e le risposte sono molteplici e diverse perchè per la nostra tradizione e direi fortuna non abbiamo un papa che decide ed impone le sue decisioni; noi siamo il popolo delle eterne discussioni, scambi di opinioni e risposte non sempre identiche agli stessi quesiti.

Continua a leggere »

Il mal di stomaco dell’educatore ebreo

Rav Roberto Colombo e sua moglie, la morà Anna, lasceranno Milano per trasferirsi a Roma. Una grave perdita per la Comunità milanese che in questi anni ha visto, grazie anche agli sforzi di Roberto e Anna, una crescita ebraica senza precedenti. Questo il discorso pronunciato a maggio.

Continua a leggere »

Scegliere di avere figli ebrei

Riccardo Di Segni – Rabbino capo di Roma

Nell’ora di Ne’ilà 5769 – 9 0ttobre 2008

Questo momento è decisamente speciale. Le nostre Sinagoghe sono già piene, al termine di una lunga giornata di preghiera, e ancora di più si riempiranno nei prossimi minuti. La preghiera di Ne’ilà va inziata poco prima del tramonto, quando il sole all’orizzonte sfiora la cima degli alberi. Corrisponde al momento in cui venivano chiuse le porte del Beth haMiqdash, in concomitanza simbolica con il momento in cui in cielo si chiudono le porte. Aldilà di queste porte, in questi momenti, viene firmato il decreto che ci riguarda. Per questo motivo, in tutta la preghiera diremo chotmènu, “fìrmaci”, a differenza di come abbiamo fatto finora, con l’espressione kotvènu, “iscrivici” nel libro della vita. Come spiegava R. Moshe Soloveitchik, “il tramonto di questa sera non è un tramonto qualsiasi, è un tramonto che porta la cancellazione di tutte colpe”. Ma in che senso?

Continua a leggere »