Davide Frattini | Kolòt-Voci

Tag: Davide Frattini

«Io non boicotto i coloni» Scarlett (l’attivista) se ne va

Pur avendo collaborato con l’organizzazione umanitaria Oxfam, l’attrice ebrea non rinnega i suoi “fratelli” coloni e non cede ai ricatti. Un bell’esempio per quei pacifisti ebrei de noantri che invece si cancellano dalle Comunità Ebraiche

Davide Frattini

scarlett-e1390705491526Nel video girato al campo rifugiati di Dadaab in Kenya i fusti di alluminio scaricati dai camion tolgono la sete ai disperati che hanno dimenticato cosa fosse l’acqua. La voce arrochita di Scarlett Johansson promuove le operazioni umanitarie di Oxfam, spiega come questi interventi aiutino a combattere le carestie in Africa.
Adesso quell’acqua si è riempita di bollicine d’incomprensione, che hanno interrotto dopo otto anni il rapporto tra la diva e il gruppo internazionale. Oxfam ha criticato la decisione di prestare lo stesso volto allo spot di una macchinetta per farsi la soda in casa: la fabbrica che produce i piccoli elettrodomestici sta a Mishor Adumim, una zona industriale collegata a uno dei più grandi insediamenti israeliani in Cisgiordania.

LA FRATTURA – L’attrice, 29 anni, ha prima provato a difendere il contratto con SodaStream e ha spiegato che «è da sempre favorevole alla cooperazione economica e all’interazione sociale tra una democratica Israele e la Palestina». Perché l’azienda dà lavoro anche a 500 palestinesi e a 400 arabi che arrivano da Gerusalemme Est, oltre che a 200 ebrei israeliani. Oxfam però si oppone a «qualunque società che operi nelle colonie contribuendo a perpetrare l’ingiustizia verso i palestinesi. Siamo contrari agli scambi commerciali con gli insediamenti, costruzioni illegali secondo la legge internazionale». Che Daniel Birnbaum, amministratore delegato di SodaStream, abbia elevato Scarlett da testimonial di una pubblicità a prima ambasciatrice globale del marchio non ha aiutato a ricomporre la frattura. Così la diva ha dato le dimissioni da messaggera di Oxfam e l’organizzazione le ha accolte.

Continua a leggere »