American Apparel | Kolòt-Voci

Tag: American Apparel

La guerra di Woody

Alla vigilia dell’uscita nella sua New york del nuovo «Whatever works», il 73enne regista fa causa a Dov Charney, patron del marchio giovanile «American Apparel»

«Usano una mia foto per farsi pubblicità» e chiede 10 milioni alla griffe di moda. Replica: la sua immagine ormai vale poco

Se fosse un film si intitolerebbe «La guerra americana di Woody». Mentre Woody Allen torna in Usa per la prima volta dopo un esilio artistico durato quasi cinque anni, – con la prima mondiale del suo nuovo film Whatever Works al Tribeca film festival – il leggendario regista di Manhattan e Mariti e mogli si ritrova al centro dell’ ennesima battaglia legale che rischia di compromettere il già tenue filo che lo lega alla natia America. Dopo aver tradito Hollywood e New York girando tra Inghilterra e Spagna i suoi nuovi film – Match Point, Scoop, Sogni e delitti, Vicky Cristina Barcelona – l’ America attendeva con trepidazione la sua grande rentrée in patria nel festival cinematografico allestito ogni anno a New York dal suo vecchio amico Robert de Niro. Ma a gettare ombra sulla prima mondiale dell’ attesissimo Whatever Works (che inaugura il festival il prossimo 22 aprile) è la causa da lui intentata contro l’ American Apparel, una ditta di abbigliamento rea di aver sfruttato la sua immagine su alcuni manifesti pubblicitari senza il suo consenso. Nel mirino del 73enne regista: un’ immagine tratta dal film Io e Annie, dove Allen appare vestito da ebreo chassidico, con la barba lunga, le treccine payot, e il tradizionale copricapo nero.

Continua a leggere »