Kolòt-Voci - Identità ebraica in una newsletter

La destra non è un solo monolito

Amos Luzzatto – Presidente Unione Comunità Ebraiche Italiane

Il fatto stesso che sia posto all’ordine del giorno il tema della “destra e gli ebrei” con saggi, convegni, dichiarazioni e dibattiti, conferma che vi è una attesa del superamento di un passato negativo e ingombrante e dell’apertura di una fase che, partendo dal dialogo, possa velocemente giungere a un’amicizia se non forse addirittura a un’alleanza. Il tema è talmente delicato e – piaccia o non piaccia – attuale che la sua semplificazione e la riduzione in formule che permettono tutte le possibili interpretazioni, quali “sdoganare An” o “promuovere la visita di Fini in Israele” non aiutano affatto, anche se piacciono tanto alla pubblicità. Non c’è dubbio che quella che si chiama la “destra” racchiude in sé componenti molto diverse e spesso conflittuali fra di loro. Farne una entità unica significa pertanto confondere i termini del problema. Nessuno pensa ad esempio di attribuire a un militante trentenne di An, non meno che a Emanuele Filiberto (che penso siano entrambi di “destra”) una responsabilità soggettiva, personale, per le leggi razziali del 1938. Ma dedurne poi che tali leggi fossero uno scherzo rispetto a quelle di Norimberga o ai gulag staliniani e pertanto che si debba assolvere la classe politica che le volle, le decretò, le applicò fino alle loro conseguenze tragiche, è un passaggio inaccettabile. Chi invece tenta questo passaggio, deve sapere che così si chiude qualsiasi velleità di dialogo (non dico di avvicinamento) fra “la destra” e “gli ebrei”. “Fare i conti con il passato” è sempre difficile. Ma non è impossibile. Continua a leggere »

14 Lug 2003 Antisemitismo, Comunità Ebraiche, Israele

La destra e gli ebrei. Proprio come una volta…

Aldo Torchiaro

Succede anche questo, in pieno 2003. Si va ad assistere alla presentazione di un saggio che si presume avere un interesse storico, “La destra e gli ebrei”, e si sente affermare dai presentatori che “le leggi razziali in Italia non sono esistite davvero. Una formalità scritta e mai applicata, ecco tutto.” Gli occhi dei presenti, molti dei quali ebrei romani, si incrociano con un misto di esterrefazione ed imbarazzo. Continua a leggere »

13 Lug 2003 Antisemitismo, Comunità Ebraiche

Sotto un’altra stella di Davide

Controversie dottrinali – L’ebraismo riformato in italia

Donne che leggono la Torah, aperture verso i gay, regole meno rigide. Come nel resto del mondo, sta prendendo piede una corrente di ebrei «progressivi».

Valeria Gandus – Panorama

La sposa, naturalmente, era bellissima. Lo sposo raggiante. I parenti commossi, la cornice da favola. E la cerimonia? Decisamente insolita: il rabbino veniva da Londra, i canti erano in ebraico, il rito celebrato in inglese con traduzione in italiano. Quanto alla Ketubbà (il contratto di nozze), per l’occasione decorata da Emanuele Luzzati, era scritta sia nella lingua dei padri sia in «vernacolo», cioè in italiano. E, novità, firmata anche dalla sposa.

Continua a leggere »

1 Giu 2003 Pensiero ebraico, Riformati

Se Maimonide è un fan di Sharon

Sul Blog dell’Espresso Wlodek Gorldkorn smentisce Torno

Povero Maimonide, poveri noi. Sul Corriere della Sera del 22 maggio, Armando Torno scrive un dotto articolo sul filosofo ebreo del Dodicesimo secolo. Per dire che cosa? Semplice. Per sostenere che egli (Maimonide non Torno) è il padre dei neo-conservatori. E come lo argomenta? Dicendo che Maimonide è presente nel pensiero e nell’opera di Leo Strauss, un filosofo ebreo del Ventesimo secolo, cha a sua volta e’ all’origine ‘di taluni aspetti della politica conservatrice d’Israele’. Continua a leggere »

23 Mag 2003 Israele, Pensiero ebraico

Benedetto… che non mi hai fatto donna

Una risposta di rav Riccardo Di Segni – Rabbino capo di Roma

Una lettrice si era rivolta a Shalom chiedendo spiegazioni sulla benedizione “che non mi hai fatto donna”, protestando per il fatto che viene citata come esempio di una condizione tradizionale femminile infelice. Questa la risposta:

La lettrice si è giustamente irritata per un atto disinvolto di disinformazione. L’occasione è utile per dare qualche spiegazione in più su una questione che è di grande attualità ed importanza e richiede un’esposizione più allargata, per quanto possibile in questa sede. Continua a leggere »

8 Mag 2003 Pensiero ebraico

La donna rabbino

Riccardo Di Segni

1. Introduzione

I movimenti femminili di questo secolo, con le loro richieste di emancipazione e di pari diritti per le donne hanno spesso coinvolto, scosso e lacerato il mondo ebraico, nelle sue strutture sociali e giuridiche. Tra le numerose rivendicazioni, è emersa quella del tutto particolare dell’ordinazione rabbinica femminile. La comunità ebraica italiana, per diversi motivi, quali la sua esiguità numerica e il suo tradizionale isolamento, ha avuto solo lontani echi delle vivaci polemiche che hanno agitato altre parti del mondo ebraico; non c’è mai stata una richiesta organizzata di donne ebree italiane in questo senso; nelle scuole rabbiniche italiane esiste da molti anni una presenza femminile, ma il programma di studi è differente da quello maschile, e i titoli di studio finali, per quanto la materia non sia ancor bene definita, non sono certamente comparabili ad una ordinazione rabbinica.

Lo scopo di questo articolo è di riassumere i termini essenziali del problema e le sue soluzioni possibili nella prospettiva dell’ebraismo ortodosso. Continua a leggere »

4 Mag 2003 Pensiero ebraico, Riformati

Il supermercato delle mitzvòt

Flavio

Caro Chavèr,

anche se inavvertitamente saro’ ricordato anch’io nella letteratura dell’Ebraismo Riformato Italiano (ho tolto qualche errore di traduzione dalla versione italiana del “Mondo delle Mitzvot” … e mi hanno messo nella sezione “ringraziamenti”!), ho progressivamente accentuato la mia posizione critica verso tale tentativo e non sono per niente contento del decollo della loro comunita’, destinata a seguire -temo- la traiettoria americana.

Continua a leggere »

2 Mag 2003 Riformati, Torà