Shoah | Kolòt-Voci

Categoria: Shoah

Legge sul negazionismo: perché invece sì

Donatella Di Cesare

DonatellaLa questione del negazionismo ha preso in Italia una piega singolare. Ha prevalso infatti un indubbio ottimismo e si è pensato che i negazionisti fossero quattro folli o quattro ignoranti, facilmente emarginabili. Ecco perché i singoli episodi sono stati letti come spiacevoli incidenti, dovuti in gran parte a disinformazione.

Continua a leggere »

Tutti i buoni motivi per essere molto diffidenti rispetto alla famosa legge sul negazionismo

La lotta è un’altra

Luigi Manconi

ManconiQuesta settimana arriverà nell’Aula del Senato il disegno di legge detto “del negazionismo”: il testo prevede la reclusione da 1 a 5 anni per chiunque neghi “l’esistenza di crimini di guerra o di genocidio o contro l’umanità”; e fino a sette anni e mezzo per chi istighi a crimini di genocidio o ne faccia apologia. Si crea così una nuova fattispecie di “apologia di delitto”, reato che secondo la Consulta non viola la libertà di espressione se interpretato come applicabile non alla mera “manifestazione di pensiero pura e semplice, ma a quella che per le sue modalità integri comportamento concretamente idoneo a provocare la commissione di delitti” (sentenza 65/1970).

Continua a leggere »

Aharon Appelfeld: “La letteratura spiega il mondo ma non lo cambia”

Lo scrittore autore di 42 libri

AppelfeldIncontro Aharon Appelfeld, come faccio sempre quando mi trovo a Gerusalemme, alla Ticho House, il caffè dove va due volte la settimana per scrivere a lungo e a mano su un foglio di carta bianco con la sua biro.

Il negazionismo da blog del matematico vanesio

Le frasi sulle camere a gas e chi martella la verità

Aldo Grasso

Chi ha un pensiero è parco di opinioni, chi ha solo opinioni pretende di avere un pensiero. Al matematico Piergiorgio Odifreddi piace interpretare il ruolo di martellatore di verità. Non gli è bastata la lettera che un fin troppo generoso Joseph Ratzinger gli ha scritto per contestare le tesi del suo libro Caro Papa ti scrivo , edito nel 2011. Ci voleva qualcosa di più forte che lo restituisse alla ribalta. Così, sul suo blog, rispondendo a un lettore sull’esistenza delle camere a gas, è andato giù pesante: «Non entro nello specifico delle camere a gas perché di esse so appunto soltanto ciò che mi è stato fornito dal “ministero della propaganda” alleato nel dopoguerra, e non avendo mai fatto ricerche, e non essendo uno storico, non posso fare altro che “uniformarmi” all’opinione comune; ma almeno sono cosciente del fatto che di opinione si tratti, e che le cose possano stare molto diversamente da come mi è stato insegnato».

Continua a leggere »

Gli ebrei d’America stanno morendo di laicità

Un rapporto choc (Con molte riserve NdR)

Giulio Meotti

AmericanJewsAlan Dershowitz, il giurista ebreo di Harvard, il principe del foro, lo strenuo difensore dei diritti civili, aveva intitolato un suo libro “The Vanishing American Jew”. L’ebreo americano in via di estinzione. Un libro nato da una ferita tutta personale, il matrimonio del figlio dell’avvocato con una ragazza cattolica e il disagio di pensare che i propri nipoti non sarebbero più stati ebrei, almeno secondo la legge ebraica. Adesso un rapporto del prestigioso Pew Forum americano getta una luce sinistra sul futuro della grande diaspora americana.

Continua a leggere »

Ebraicità al femminile: a Padova, Antonietta, Margherita, Eva e le altre

Carlo Di Stanislao

La risonanza della voce femminile, nella prima metà del Novecento, è in generale molto limitata, e ciò vale ancor più per le donne ebree, penalizzate dall’appartenenza ad una minoranza che di per sé ne condiziona l’emergere sulla scena culturale, che si vedono accomunate alle sorti delle loro contemporanee non ebree dal pregiudizio, tanto infondato quanto radicato, che l’uomo debba essere il solo depositario della vera professionalità.

Continua a leggere »

Cento di queste stragi!

L’uomo che 70 anni fa guidò l’eccidio delle fosse Ardeatine facendo fucilare per rappresaglia 335 persone vive oggi ai domiciliari alla Balduina, quartiere romano. Il presidente della comunità ebraica Riccardo Pacifici: “Le autorità vigilino”. Il sindaco di Roma, Ignazio Marino: “Raccolgo l’appello”. Interrogazione del Pd

Emanuel Baroz

Lunedì prossimo Erich Priebke compirà 100 anni e già ora si accendono le polemiche. L’uomo che 70 anni fa guidò l’eccidio delle fosse Ardeatine fucilando per rappresaglia 335 persone innocenti, vive oggi agli arresti domiciliari alla Balduina, quartiere romano. Oggi, come ogni giorno, ha fatto una passeggiata accompagnato dalla badante e dalla scorta per le strade del rione in cui è ormai abbastanza conosciuto.

Continua a leggere »