Doni per il nemico | Kolòt-Voci

Doni per il nemico

Parashà di Vayishlàch

Ishai Richetti – Tempio di via Eupili – MIlano

Yaakov si prepara per la sua temuta riunione con suo fratello, che includeva dei grandi doni da consegnare a Esav. La Torà racconta le istruzioni di Yaakov ai suoi servi, in cui anticipava ciò che Esav avrebbe chiesto loro: “A chi appartieni, dove stai andando e di chi sono questi che ti hanno preceduto?” (32:18). Yaakov disse di spiegare ad Esav che erano i suoi servi e stavano portando questi doni come umile tributo allo scopo di trovare favore ai suoi occhi.

Lo Sfat Emet trova in questi versi un’allusione a qualcosa che dovrebbe avvenire nella mente di ognuno di noi. Spesso, sentiamo una voce che ci pone domande simili alle domande che Yaakov si aspettava fossero poste ai suoi servi: “Chi sei? Dove sei diretto? Cosa stai facendo?” In alcuni momenti è probabile che inizieremo a mettere in discussione il nostro valore e il valore delle nostre buone azioni. Potremmo guardare a noi stessi vite e porci domande difficili come: “Cosa ho ottenuto? Quali sono le possibilità che io realizzi qualcosa di veramente significativo? Posso davvero considerare me stesso e la mia vita un successo? Quanto lontano sono arrivato? E fino a che punto penso seriamente di poter andare?

La risposta a queste domande, scrive lo Sfat Emet, è la risposta che i servi di Yaakov dovevano dare a Esav: “Minchà hi” – “È un dono”. La parola minchà si riferisce specificamente a un piccolo tributo dato ad una autorità per guadagnarsi il suo favore. Come osserva lo Sfat Emet, questa parola è usata in riferimento all’offerta di grano portata al Bet haMikdash dai poveri che non potevano permettersi sacrifici animali. I Maestri (come citato da Rashi, Vayikra 2:1) insegnano che D-o considera l’offerta di un povero con affetto speciale, dato il grande sacrificio che comporta. Quando iniziamo a mettere in discussione il valore dei nostri risultati, scrive lo Sfat Emet, dobbiamo ricordare a noi stessi che tutti i nostri sforzi sono una preziosa “minchà”. Siamo esseri umani imperfetti, limitati e sfidati dalla nostra stessa natura. Sebbene tutti noi abbiamo il potenziale per grandi risultati, siamo ostacolati da tendenze negative che ci rendono difficile massimizzare quel potenziale. Quando lottiamo e otteniamo, anche solo risultati modesti, dobbiamo vederci come un povero che offre una minchà nel Bet haMikdash. Se cerchiamo di crescere, avanzare e realizzare, qualunque cosa otteniamo, anche se è solo una piccola e umile “minchà”, ha un valore inestimabile. Lo Sfat Emet conclude notando le ultime parole che Yaakov ha incaricato i suoi servi di dire a Esav: “e anche lui [Yaakov] è dietro di noi”. Questo si riferisce al fatto che l’Onnipotente è “dietro di noi”, che ci sostiene e ci incoraggia in qualunque sforzo facciamo. Non dobbiamo disperare o scoraggiarci per le nostre mancanze e fallimenti, perché D-o è sempre “dietro di noi”, chiedendoci di continuare a lavorare, provare, sforzarci e lottare per migliorare e di offrire ogni piccola “minchà” di cui siamo capaci di raggiungere.

Dopo aver appreso che Esav si stava avvicinando con un esercito di quattrocento uomini, Yaakov teme che suo fratello stesse pianificando la vendetta per la berachà che aveva ottenuto in sua vece. Yaakov ordinò ai servi di portare le mandrie donate a Esav una alla volta, con un ritardo tra ciascuna, piuttosto che presentare l’intero dono tutto subito (32:17). Rashi spiega che ciò è stato fatto per rendere il regalo particolarmente generoso, poiché Esav veniva ripetutamente avvicinato da uomini che gli portavano animali in dono.

Il Midrash Bereshit Rabba vede nell’istruzione di Yaakov un’allusione a una tefillà per i suoi discendenti: “Yaakov disse a D-o: Padrone del mondo, se accadono problemi ai miei figli, non farli capitare subito uno dopo l’altro, ma dai loro tregua dai loro problemi”. I ritardi nelle presentazioni delle mandrie a Esav sono simbolo delle pause che Yaakov ha chiesto di ottenere tra le difficoltà che prevedeva sarebbero accadute ad Am Yisrael. Rabbi Natan di Breslav, in Likutei Halakhot (Kil’ei Behema, 4:8) dice che i Maestri qui ci invitano a riconoscere gli “spazi” nelle nostre vite, le berachot e la fortuna di cui godiamo. Le persone si concentrano principalmente sui loro problemi e difficoltà, tanto che le loro vite appaiono come una serie infinita di disgrazie. Questa percezione porta alla malinconia e alla disperazione, e l’individuo perde la forza emotiva per lottare per superare le sfide della vita e per chiedere aiuto a D-o. In questo Midrash, insegna Rabbi Natan, i Maestri ci insegnano a riconoscere i grandi “spazi” di gioia e benedizione che ognuno di noi ha. Sebbene la vita ci presenti delle sfide, ci presenta anche molte benedizioni e innumerevoli opportunità di realizzazione e gratificazione. Dobbiamo cercare di riconoscere e massimizzare quelle benedizioni e opportunità, piuttosto che vedere solo gli aspetti più oscuri della nostra vita.

In questo senso la preparazione dell’incontro con Esav rappresenta un insegnamento di vita molto importante. Lavora per ottenere il massimo risultato attraverso le tue capacità uniche, ringrazia D-o per i risultati e per le forze che hai anche se credi di non averne e ringrazia D-o per le Berachot che ti dà ogni giorno. Solo così potrai essere una persona completa, interiorizzando l’insegnamento di Yaakov e potrai affrontare le sfide della vita e le prove che dovrai affrontare.