La sterilità delle matriarche. Ma perché? | Kolòt-Voci

La sterilità delle matriarche. Ma perché?

Parashà di Toledòt

Ishai Richetti – Tempio di via Eupili – Milano

All’inizio di Parashat Toledot, leggiamo dell’infertilità di Rivka e delle preghiere sue e di Yitzchak per i bambini. D-o alla fine accetta le loro preghiere e Rivka concepisce con due gemelli: Esav e Yaakov. Il Talmud prende atto del fatto che tutte e quattro le matriarche – Sara, Rivka, Rachel e Leah – avevano in comune di essere sterili. Nel caso di Sara, Rivka e Rachel, hanno aspettato anni prima di poter avere figli. I Chachamim spiegano che D-o ha specificamente reso sterili le matriarche “perché desidera le preghiere dei giusti”. Voleva che i grandi Tzadikim e Tzidkaniyot, i nostri Avot e Imahot, pregassero. Ha portato su di loro l’angoscia della mancanza di figli in modo che fossero spinti a pregarlo.

La domanda ovvia sorge spontanea; è giusto? Se gli Avot e Imahot erano davvero giusti – cosa che indubbiamente erano – non meritavano figli anche senza preghiera? Perché D-o li ha costretti a pregare per avere i bambini?
In verità, questa domanda viene posta solo a causa della nostra idea sbagliata su cosa sia fondamentalmente la preghiera e a quale scopo debba servire. Spesso ci avviciniamo erroneamente alla preghiera come un modo per ottenere ciò che vogliamo. In un distributore automatico, inseriamo le monete, premiamo il pulsante destro e riceviamo l’oggetto che scegliamo. Ecco come molte persone vedono la preghiera: recitiamo un testo specifico nel modo specificato nella speranza di ottenere ciò che vogliamo, che si tratti di salute, figli, successo economico e così via.

Da questo punto di vista, è davvero strano che D-o abbia reso sterili le matriarche rette e le abbia costrette a sopportare la frustrazione dell’infertilità solo perché loro e i loro mariti dovessero passare attraverso l’esercizio della preghiera.

Ma questo non è affatto ciò che è la preghiera. La parola ebraica per preghiera – “Tefillà” – significa “legare”. Dalla stessa parola derivano ad esempio, i “Tefillin” sono le scatole che leghiamo ai nostri corpi, per connetterci con i testi sacri contenuti al loro interno. E questo è lo scopo di Tefillà: connetterci a D-o. La nostra relazione con il nostro Creatore si costruisce e si arricchisce attraverso l’esperienza della preghiera. Tefillà non significa semplicemente dire le parole, ma anche sentirsi connessi a D-o attraverso la recitazione delle parole stesse. Quando preghiamo, dobbiamo esercitare il cuore, e non solo la bocca, perché lo scopo principale è connetterci con l’Onnipotente con le nostre menti e le nostre emozioni, e non semplicemente muovere le nostre labbra.

Il Sefer Hakuzari del rabbino Yehuda Halevi scrive che per i giusti, i momenti di preghiera sono il momento clou della giornata. Per qualcuno la cui principale aspirazione nella vita è connettersi con D-o, non c’è niente di più gratificante della preghiera. Prega non perché ha bisogno di soldi per un’auto costosa, ma per il mero desiderio di avvicinarsi a D-o. Ed è per questo che la preghiera è un’esperienza così eccitante ed edificante per lui.
Questa eccitazione può essere vista sui volti delle persone rette mentre pregano. Il Netziv (Rav Naftali Zvi Yehuda Berlin di Volozhin) scrive che il motivo per cui Rivka cadde dal cammello quando vide Yitzchak per la prima volta (Bereshit 24:64) fu perché lo vide pregare. La vista stupefacente di uno Tzadik come Yitchhak che prega, connettendosi al Creatore con tutto il suo essere, è stata travolgente.

Possiamo quindi ora forse comprendere il commento dei Chachamim secondo cui D-o “desidera la preghiera dei giusti”. Più una persona è giusta, più D-o vuole che preghi, si connetta e promuova una relazione con Lui. D-o orchestra eventi e situazioni per ispirare una persona a pregare in modo che possa avvicinarsi al suo Creatore. Se le nostre preghiere vengono esaudite, questa è solo la proverbiale “ciliegina sulla torta”. La ricompensa principale di Tefilla è la connessione e il legame con D-o.

Ed è allo stesso modo in cui dovremmo affrontare la tefillà che dovremmo affrontare le sfide e le difficoltà che ci si presentano davanti nella vita. Il commento dei Chachamim sull’infertilità delle matriarche ci mostra che D-o occasionalmente metterà una persona in una situazione difficile con lo scopo specifico di ispirarla a pregare. Le sfide della vita ci offrono la grande opportunità di connetterci a D-o attraverso la preghiera, di cercarLo e avere la certezza che la Sua mano ci guida e protegge. Se cogliamo questa opportunità, indipendentemente dal fatto che le nostre preghiere vengano esaudite, usciamo dall’esperienza più forti ed elevati spiritualmente. E possiamo sentirci confortati dalla consapevolezza che D-o vuole le nostre preghiere, vuole che costruiamo una relazione con Lui – e proprio per questo motivo ogni tanto ci porta in situazioni che ci spingono a chiamarlo in tefillà sincera e sentita. Ma soprattutto dobbiamo essere consapevoli che D-o vuole il nostro bene e tutto il Suo operato va in questa direzione. La comunicazione è ciò che ci rende unici in questo mondo. Tanto è importante comunicare con il prossimo quanto è importante comunicare con D-o. Attraverso la comunicazione possiamo costruire relazioni solide sia nella nostra famiglia e nella nostra società che con D-o stesso.