Chi è la moglie di Nòach? | Kolòt-Voci

Chi è la moglie di Nòach?

Parashà di Nòach

Ishai Richetti – Tempio di via Eupili – Milano

Chi è la moglie di Noach? Dovremmo conoscere il nome di sua moglie poiché è logico che sia stata salvata dal Diluvio non a causa di chi era Noach, ma a causa di chi era lei. La moglie di Noach è la madre dell’umanità – una seconda Eva – E poiché Eva è descritta come una personalità giuridica indipendente – una responsabile del proprio peccato, e quindi punibile – è ragionevole presumere che sia così anche in questo caso. Se è stata salvata è stato probabilmente per merito suo.

La Torà Orale ci dice che si chiamava Naamah. La tradizione che Naamah fosse la moglie di Noach risolve il problema del perché il nome di una donna compare nella genealogia di Caino. Spesso, le genealogie del Tanakh sono limitate agli uomini quindi, quando compare il nome di una donna, ci deve essere un motivo. In questo caso, la famiglia del discendente di Caino, Lemekh, è descritta come segue: Lemekh sposò due donne. Il nome della prima era Adah e il nome della seconda era Tzillah. Adah ha dato alla luce Yaval. Era il capostipite di tutti coloro che vivono in tende e tengono armenti. Il nome di suo fratello era Yuval. Era il capostipite di tutti coloro che suonano l’arpa e il flauto. Anche Tzillah aveva un figlio, Tuval Cain, fabbricante di tutti gli strumenti di rame e ferro. La sorella di Tuval Cain era Naamah. Il verso finale è strano per due ragioni. Innanzitutto, come accennato in precedenza, è insolito che il nome di una donna appaia. In secondo luogo, il testo descrive ciascuno dei tre fratelli di Naamah come capostipiti di attività specifiche ma per lei non si menziona niente. Cosa c’era di così degno di nota in Naamah?

Lo Zohar Chadash cita Rabbi Abbahu: La semplice comprensione del testo è che era una maestra nella lavorazione dei metalli, come suo fratello Tuval Kayin. Questo è il significato dell’accostamento dei loro nomi. Il significato della frase “E la sorella di Tuval Kayin era Naamah” è che lei era un’esperta quanto lui. La parola “E” aggiunge qualcosa al soggetto precedente. Questo approccio spiega perché il verso introduce Naamah non come figlia di Lemekh e Tzillah ma come sorella di Tuval Kayin. I due fratelli avevano qualcosa in comune. Il Midrash Bereshit Rabba presenta due risposte alla domanda su cosa abbia reso Naamah degna di nota, ed entrambi presumono che il suo nome contenga un indizio: “La sorella di Tuval Kayin era Naamah”. Rabbi Abba bar Kahana ha detto: Naamah era la moglie di Noach. Perché l’hanno chiamata Naamah? Perché le sue azioni erano belle (ne’imim). I Rabbini dissero: Il [versetto parla di] un’altra Naamah. Perché l’hanno chiamata Naamah? Perché cantava (mena’emet) con un tamburo [per accompagnare] l’idolatria. Secondo i Rabbini il nome Naamah è legato alla parola, similmente alla descrizione di David HaMelekh come “ne’im zemirot yisrael – il dolce cantante di Israele.” Dopotutto, era la sorella di Yuval, pioniere musicista. Nel contesto, questo ha senso. Dopotutto, i versi parlano dei membri della famiglia di Caino, che furono poi tutti spazzati via dal Diluvio. I Rabbini qui iniziano con la frase “Il [versetto sta parlando] di un’altra Naamah”, accettando la tradizione che Noach sposò una Naamah, ma non quella menzionata nel versetto.

Presumibilmente Naamah moglie di Noach era una discendente di Shet come lo stesso Noach e forse era una cantante le cui canzoni erano dedicate al vero D-o, con il quale suo marito parlava. Secondo Rabbi Abba bar Kahana in questo midrash, il nome Naamah è legato ai nomi Noam, Naomi e Neimah – semplice gentile paragonando questi nomi con la frase “derakhea darkhei noam – i modi della Torah sono modi di gentilezza”. In altre parole, Naamah era una persona particolarmente buona. Il Ramban commenta l’ opinione di Rabbi Abba bar Kahana: significa che aveva un reputazione di essere una tzadeket che ha messo alla luce tzaddikim. Ecco perché la Torà la menziona. Se è così, allo stesso modo in cui la famiglia di Shet non è stata spazzata via completamente ma è sopravvissuta attraverso Noach, così anche la famiglia di Caino non è stata spazzata via completamente ma è sopravvissuta attraverso Naamah. Qual è il significato di questo? .

La Torà chiama Noach “giusto nella sua generazione”, ha trovato favore agli occhi di D-o perché tutte le sue azioni erano buone, proprio come le azioni di Naamah. Se era una lavoratrice di metalli come sostiene Rabbi Abbahu, ciò si adatterebbe al compito dato a Noach di costruire un’enorme barca. Da un punto di vista logico, dal momento che Noach costruì un’arca e poiché Tuval Kayin era “padre di tutti i costruttori”, aveva senso che Noach e Naamah (sorella di Tuval Kayin) fossero una buona coppia. Se fosse stata una cantante, ciò sarebbe stato utile sull’arca. La voce di Naamah era la ragione per cui c’era pace tra gli animali durante il diluvio. Le note delle sue tefillot portarono le preghiere della sua famiglia attraverso le nuvole scure della tempesta e furono risparmiate le peggiori onde della tempesta. Ha ispirato suo marito e i suoi figli a lavorare insieme alle loro mogli, alleggerendo i loro fardelli e facendo passare il tempo più velocemente.

La storia di Naamah ci insegna come non sia sempre tutto scritto, quanto le nostre capacità uniche sono importanti per la crescita di noi stessi e per la crescita di chi ci sta intorno, e quanto possiamo essere di ispirazione agli altri con le nostre azioni