Ho redatto la definizione di antisemitismo. Gli ebrei di destra la stanno trasformando in arma | Kolòt-Voci

Ho redatto la definizione di antisemitismo. Gli ebrei di destra la stanno trasformando in arma

Kenneth Stern

Quindici anni fa, in qualità di esperto di antisemitismo del Comitato Ebraico Americano, ero il principale estensore di quella che allora veniva definita la “definizione operativa di antisemitismo”. È stata creata principalmente per consentire ai raccoglitori di dati europei di sapere cosa includere ed escludere. In questo modo l’antisemitismo potrebbe essere monitorato meglio nel tempo e oltre i confini. Non è mai stata pensata per essere un codice di incitamento all’odio nel campus, ma è quello che l’ordine esecutivo di Donald Trump ha realizzato questa settimana. Questo ordine è un attacco alla libertà accademica e alla libertà di parola e danneggerà non solo i sostenitori filo-palestinesi, ma anche gli studenti e la facoltà ebrei e la stessa accademia.

Il problema non è che l’ordine esecutivo offra protezione agli studenti ebrei ai sensi del titolo VI della legge sui diritti civili. Nel 2010 il Dipartimento della Pubblica Istruzione ha chiarito che ebrei, sikh e musulmani (come etnie) potevano lamentarsi di intimidazioni, molestie e discriminazioni ai sensi di questa disposizione. Ho supportato questo chiarimento e ho presentato una denuncia di successo per gli studenti delle scuole superiori ebraiche quando sono stati vittime di bullismo e persino calci (c’è stato un “Kick a Jew Day”).

Ma a partire dal 2010, i gruppi ebrei di destra hanno preso la “definizione operativa”, che aveva alcuni esempi su Israele (come ritenere gli ebrei collettivamente responsabili delle azioni di Israele e negare agli ebrei il diritto all’autodeterminazione), e ha deciso di armarla con casi di titolo VI. Mentre alcune accuse riguardavano atti, per lo più si lamentavano di oratori, indicavano testi e proteste che sostenevano violassero la definizione. In tutti questi casi persero, quindi questi stessi gruppi chiesero all’Università della California di adottare la definizione e applicarla ai suoi campus. Quando fallirono, si rivolsero al Congresso, e quando quegli sforzi si rivelarono inutili, si rivolsero al presidente.

Come chiariscono i sostenitori dell’ordine esecutivo come l’Organizzazione Sionista d’America, vedono l’applicazione della definizione come “copertura [molti] degli oltraggi antiebraici… spesso guidata da… Studenti per la Giustizia in Palestina, che tra le altre cose… chiama all’’intifada’ [e] demonizza Israele”. Per quanto non sia d’accordo con SJP, ha il diritto di fare “appelli”. Si chiama libertà di parola.

Se pensi che non si tratti di sopprimere il discorso politico, contempla un parallelo. Non esiste una definizione di razzismo anti-nero che abbia forza di legge quando si valuta un caso del titolo VI. Se dovessi crearne uno, includeresti l’opposizione all’azione affermativa? Opposizione alla rimozione di statue confederate?

Jared Kushner, genero e consigliere speciale del presidente, scrisse sul New York Times che la definizione “chiarisce [che] l’antisionismo è antisemitismo”. Sono sionista. Ma in un campus universitario, dove lo scopo è quello di esplorare idee, gli antisionisti hanno diritto alla libera espressione. Sospetto che se Kushner o io fossimo nati in una famiglia palestinese sfollata nel 1948, potremmo avere una visione diversa del sionismo, e ciò non dovrebbe essere dovuto al fatto che diffamiamo gli ebrei o pensiamo che cospirino per danneggiare l’umanità. Inoltre, c’è un dibattito all’interno della comunità ebraica se essere ebrei richiede di essere sionisti. Non so se questa domanda possa essere risolta, ma dovrebbe spaventare tutti gli ebrei che il governo sta essenzialmente definendo la risposta per noi.

Il vero scopo dell’ordine esecutivo non è ribaltare la bilancia in alcuni casi del titolo VI, ma piuttosto avere un effetto raggelante. ZOA e altri gruppi daranno la caccia a discorsi politici con cui non sono d’accordo e minacceranno di intentare causa legale. Sono preoccupato che gli amministratori avranno ora una forte motivazione a sopprimere, o almeno a condannare, il discorso politico per paura di un contenzioso. Temo che la facoltà, che può insegnare altrettanto facilmente della vita ebraica nella Polonia del XIX secolo o della moderna Israele, probabilmente sceglierà la prima come più sicura. Sono preoccupato che studenti e gruppi ebrei pro-Israele, che giustamente si lamentano quando un oratore pro-Israele occasionale viene offeso, avranno la reputazione di usare strumenti di Stato per reprimere i loro oppositori politici.

L’antisemitismo è un vero problema, ma troppo spesso le persone, sia di destra che di sinistra politica, chiudono un occhio se una persona ha la visione “giusta” di Israele. Storicamente, l’antisemitismo prospera meglio quando i leader stimolano la capacità umana di definire un “noi” e un “loro”, e dove l’integrità delle istituzioni e delle norme democratiche (come la libertà di parola) sono sotto assalto.

*Kenneth Stern è il direttore del Bard Center for the Study of Hate e l’autore di The Conflict Over the Conflict: The Israel / Palestine Campus Debate

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-kenneth_stern__ho_redatto_la_definizione_di_antisemitismo_gli_ebrei_di_destra_la_stanno_trasformando_in_arma/82_32661/

The Guardian