Elia Enrico Richetti | Kolòt-Voci

Tag: Elia Enrico Richetti

Rabbini sì, rabbini no

Imperversa la crociata del “Dialogo interruptus” mentre si registrano segnali contrari (vedi sotto). Giornata dell’ebraismo: «Le ragioni del nostro no»

Rav Elia Enrico Richetti Rabbino capo di Venezia

L’Assemblea dei rabbini d’Italia ha comunicato che, almeno per quest’anno, non vi sarà collaborazione fra le Comunità ebraiche d’Italia e le istituzioni cattoliche per la celebrazione della Giornata dell’ebraismo (17 gennaio). È la logica conseguenza di un momento particolare che sta vivendo il dialogo interconfessionale oggi, momento i cui segni hanno cominciato a manifestarsi quando il Papa, liberalizzando la messa in latino, ha indicato nel Messale tridentino il modulo da seguire. In quella formulazione, nelle preghiere del Venerdì Santo è contenuta una preghiera che auspica la conversione degli ebrei alla «verità» della Chiesa e alla fede nel ruolo salvifico di Gesù. A onor del vero, quella preghiera, che nella prima formulazione definiva gli ebrei «perfidi», ossia «fuori dalla fede» e ciechi, era già stata «saltata» (ma mai abolita) da Giovanni XXIII. Benedetto XVI l’ha espurgata dai termini più offensivi e l’ha reintrodotta.

Fin dal primo momento, l’Assemblea dei rabbini d’Italia ha preso una pausa di riflessione, sospendendo temporaneamente gli incontri interreligiosi. I mesi successivi sono stati caratterizzati da un susseguirsi di contatti, incontri e mediazioni con diversi esponenti, anche ad alto livello, del mondo ecclesiastico, alcuni dei quali si sono dimostrati sinceramente preoccupati per il futuro di un dialogo che stava procedendo in maniera fruttuosa e che registrava un allargarsi del senso di rispetto e di pari dignità delle fedi.

Continua a leggere »