Kolòt-Voci - Identità ebraica in una newsletter

La scienza non è esatta

Aforismi, dichiarazioni, battute: il Nobel ebreo Richard Feynman è stato uno dei fisici più brillanti del ‘900. Le sue lezioni sono memorabili. La figlia ha raccolto in un libro le frasi più sorprendenti: ne abbiamo scelte alcune

Non riuscivo a fare tutto quel che volevo, perché mia madre insisteva nel mandarmi fuori a giocare.

Quando da piccolo scoprii che Babbo Natale non esisteva, non ci rimasi male. Ero al contrario sollevato di sapere che un fenomeno molto più semplice spiegava come mai così tanti bambini in tutto il mondo ricevessero regali tutti la stessa notte.

Io e mia moglie pensiamo che io sia pazzo. Non so come mai alcuni trovano la scienza noiosa e difficile, mentre altri la trovano divertente e facile, ma c’ è una cosa che mi stimola parecchio, ed è che serve un’ enorme immaginazione per figurarsi com’ è fatto il mondo.

Non vorrei però sminuire il valore della visione del mondo che scaturisce dal lavoro scientifico. Essa ci ha portati a immaginare cose infinitamente più affascinanti delle fantasie dei poeti e dei sognatori del passato. Ciò dimostra che la fantasia della natura supera di gran lunga quella dell’ uomo.

Che c’ è di male? È un modo di procedere ottimo: prima tirare a indovinare, e poi controllare. Uno dei maggiori e più importanti strumenti della fisica teorica è il cestino della carta straccia.

Bisogna innamorarsi di una teoria e, come per una donna, questo è possibile solo se non la si capisce completamente. Continua a leggere »

25 Gen 2017 Comunità Ebraiche

Il giallo della parashà di Bo

Davide Nizza

פרשת בא, שמות, י”ב, י”א: מתניכם חגורים.

In memoria di Rav Davìd ben Menahèm Avnèr Schaumann, z.l.

Mi sono permessso molti anni fa di elaborare in forma di racconto questo devàr Torà un po’ particolare, che ebbi la fortuna di ascoltare da Rav Schaumann durante uno dei tanti Sciabbadòd passati insieme a Genova.

Si racconta che in una fredda giornata invernale verso la fine del 1700 il Rav Hidà[1], durante uno dei suoi numerosi viaggi, si trovasse su una nave che solcava il Mar Mediterraneo. A bordo si trovavano diversi viaggiatori, tra cui alcuni ebrei, diretti a nord, dato che la nave doveva fare scalo a Livorno, Genova e Nizza.

La giornata era bella e, sebbene il freddo e la brezza fossero pungenti, il Rav se ne stava piacevolmente in coperta alla luce del sole, tenendo tra le mani gli appunti del suo ultimo libro.

“Signor Rabbino, Signor Rabbino…”

Sentendosi chiamare da una voce sommessa, il Rav si voltò da un lato. Era Iossèf ben Efràim, mercante in Provenza, col quale aveva scambiato alcune informazioni di viaggio, quando si era imbarcato all’attracco di Civitavecchia.

“Signor Rabbino, mi scusi, posso disturbarLa?”.

“La prego, signor Iossèf”.

“Vede, signor Rabbino, come Lei sa, tra l’altro io commercio in formaggi, e si dà il caso che abbia avuto l’occasione di acquistare una partita di caciotte, naturalmente cascèr, da una famiglia di contadini ebrei dell’agro romano. Ora Lei capisce che avrei molto piacere se Lei, signor Rabbino, volesse avere la compiacenza di rilasciarmi una sua dichiarazione di cascerùt. Data la sua notorietà, anzi, la sua chiara fama, signor Rabbino, Lei capisce che mi sarà molto più facile vendere le mie caciotte. Naturalmente s’intende che desidero assolutamente che il suo disturbo sia compensato…”.

Il Rav Hidà non rispose subito. Forse stava riflettendo sulla richiesta, che a prima vista sembrava un po’ strana. Inoltre, per quel che gli constava, almeno da quando gli ebrei erano chiusi nel ghetto, non s’era mai sentito che ci fossero ebrei contadini.

“Va bene, signor Iossèf, ma prima di entrare nel merito, se lei permette, vorrei vedere il certificato che certamente le avrà rilasciato il Rabbino del posto”.

“Lei ha ragione, signor Rabbino, è naturale! Purtroppo però si dà il caso che, per una sfortunata combinazione, il signor Rabbino di Pitigliano, l’eccellente Rav Barzillài Servi, mi aveva sì garantito che mi avrebbe rilasciato il certificato; se non che dovette improvvisamente recarsi a Arezzo per la milà di un nipotino, cosicché non fece in tempo a scriverlo… D’altronde io dovevo partire, la nave non mi avrebbe mica aspettato, lei capisce, signor Rabbino. Così sono andate le cose. Ecco perché ho particolarmente bisogno del suo preziosissimo aiuto”. Continua a leggere »

24 Gen 2017 Pensiero ebraico, Torà

Franz Josef e il contributo ebraico nella Vienna di fin de siecle

Visto il successo dell’articolo di Giorgio Berruto, siamo lieti di pubblicare un altro articolo arrivato alla redazione di Kolòt

Daniel Chaim

L’anno appena trascorso è stato segnato dalle importanti celebrazioni, per i cent’anni dalla scomparsa del Kaiser Franz Josef. Salito al trono nel 1848, il suo regno è durato per ben sessantotto anni. L’intero arco temporale che lo ha visto sul trono, è stato contrassegnato da grandi cambiamenti, non solo politici ma anche sociali. Non dobbiamo dimenticare che il ciclone napoleonico aveva stravolto gli equilibri europei. Il Congresso di Vienna aveva prodotto una vittoria. Questa vittoria era rappresentata dall’Impero Austriaco.

Purtroppo ancora oggi, complice una storiografia che non è mai andata a passo coi tempi, assistiamo ad una banalizzazione e demonizzazione, di quello che invece è stato l’unico impero sovranazionale ma soprattutto multiculturale che sia esistito.

Il Kaiser, definiva se stesso “il primo impiegato dello Stato”. Nonostante il rigido cerimoniale di corte e lo sfarzo che lo circondava, il vecchio Kaiser conduceva uno stile di vita molto sobrio (prova ne sia che dormiva su un semplice letto di ferro).

Tutti i suoi tredici popoli, avevano le loro rappresentanze politiche in Parlamento. Il vecchio Imperatore può essere considerato come un “maestro concertatore e direttore” , il quale dirige un’orchestra che in questo caso è rappresentata dai suoi popoli.

Una componente molto importante dei suoi popoli, è quella ebraica.  Fino all’avvento del Nazismo, nella sola città di Vienna si contavano innumerevoli sinagoghe e gli ebrei godevano degli stessi diritti di tutti gli altri cittadini. Questo anche grazie alla promulgazione della Costituzione liberale nel 1867.

La seconda metà del XIX secolo, vede una Vienna nella quale inizia a germogliare l’antisemitismo di Lueger e di von Schoener. Non dimentichiamo che per ben due volte, Franceso Giuseppe non volle ratificare la sua nomina a borgomastro della città. L’antisemitismo di Lueger e di von Schoener (esponenti del partito cristiano sociale l’uno e di un movimento pangermanista l’altro) era caratterizzato dagli stereotipi che tutti conosciamo. Un esempio di questo antisemitismo dilagante, è rappresentato dalle numerose statuette e bastoni da passeggio, riproducesti l’ebreo con il naso ben pronunciato, con la gobba e le mani grandi, intento a confabulare con un suo correligionario onde ordire trame economiche e politiche. Una vasta collezione di questi oggetti la si può visitare allo Jüdische Museum di Vienna. Continua a leggere »

23 Gen 2017 Comunità Ebraiche

Il partigiano Edmond e i suoi sogni sul destino degli ebrei

Nel corso della Seconda guerra mondiale, il giovanissimo Edmond riesce a fuggire da un campo di sterminio e a raggiungere alcuni partigiani ebrei che tentano di resistere all’esercito tedesco nascondendosi nella foresta ucraina. Il loro scopo non è solo quello di sopravvivere, ma è anche, e soprattutto, quello di salvare il proprio popolo e raggiungere “la vetta”, il luogo geografico e spirituale della loro realizzazione. E’ il nuovo romanzo di Aharon Appelfeld in uscita per Guanda. Ne anticipiamo alcune pagine.

Aharon Appelfeld

“I prossimi giorni saranno critici. L’Armata Rossa sta arrivando da noi. La questione è “se riusciremo a resistere un mese” Kamil non usa la parola “sacrificio”. Alcune volte l’ha respinta con forza: “Noi non cerchiamo la morte ma la vita” I suoi genitori erano stati fra i primi a essere portati via dal ghetto. Non ne parla al passato, dice: “Mamma è puntigliosa … ”

Stanotte usciremo per un’incursione. Le provviste si stanno esaurendo. Ora siamo centosettantatré anime. Se non ci procuriamo subito dei viveri gli scampati moriranno di fame. Hermann Cohen ha portato in cucina semola e farina in dosi razionate. Da quando gli scampati sono arrivati da noi, e da quando ha visto la figlia di sua sorella, non è più quello di prima. Fuma una sigaretta dopo l’altra. Una o due volte al giorno entra nella tenda in cui giace sua nipote e la guarda. Quell’uomo così solido, che ne ha viste di tutti i colori ed era un fantastico consigliere su questioni logistiche, ora sembra crollato. Kamil gli ha detto abbracciandolo: “Abbiamo fatto un lungo tratto di strada e ne faremo ancora. I prossimi giorni saranno critici. L’Armata Rossa sta arrivando da noi. La questione è se riusciremo a resistere un mese. Senza di te, e lo dico assumendomene la piena responsabilità, non ce la faremo”. Hermann Cohen non ha reagito neanche a questo complimento. Si è coperto il volto con le mani.

Prima che partissimo per l’incursione Kamil ci ha detto così: “Quest’oggi, miei cari, il nostro destino è nelle vostre mani. Il nostro campo, che grazie a Dio è cresciuto incommensurabilmente, è ferito e dolorante, e se non la nutriremo questa gente morirà. La base ha bisogno di provviste. Di tende e bidoni da usare come stufe. Dobbiamo salvare i corpi tormentati affinché le anime possano farvi ritorno. Una volta eravamo pochi, ma oggi, grazie a Dio, siamo molti. Voi siete i messi di una buona azione, fedeli al Signore su questa terra”.
Quando parla Kamil non ci si sente più soli al mondo, ma circondati di amici fedeli, e cresce il desiderio di fare di più . Kamil non usa la parola “sacrificio”. Alcune volte l’ha respinta con forza: “Noi non cerchiamo la morte ma la vita. La nostra comunità è un insieme meraviglioso”.
Kamil non ha rivendicazioni verso il Signore che non fa regnare la giustizia nel mondo, ma verso gli uomini che non sono degni della qualifica di esseri umani.

Continua a leggere »

22 Gen 2017 Antisemitismo, Comunità Ebraiche, Shoah

Ciao amore ciao. Per Bauman la norma culturale di oggi è l’erotismo

Intervista al filosofo ebreo scomparso. 17 febbraio 2013

“Al di sopra del fuoco primordiale del sesso, acceso dalla natura molto prima dei primi vagiti dell’umanità, si innalza la fiamma rossa dell’erotismo, al di sopra della quale vibra e freme la delicata fiamma azzurra dell’amore”.

Ritanna Armeni

Zygmunt Bauman comincia con questa citazione del poeta e scrittore messicano Octavio Paz un piccolo libro, “Gli usi postmoderni del sesso” (appena pubblicato dal Mulino, 84 pagine, 10 euro), per poi spiegare che oggi tutto è cambiato. Sesso, erotismo, amore non sono più legati e dipendenti l’uno dall’altro come nella metafora di Paz. Si sono separati e l’erotismo ha raggiunto una sua autonomia, pretendendo di vivere da solo, liberandosi dal legame con l’essenzialità della funzione riproduttiva del sesso, ma anche con quella meno obbligatoria, ma culturalmente fortissima, dell’amore. E’ stata una rivoluzione, dice Bauman, ed è evidente che non la ritiene una rivoluzione positiva.

L’erotismo, oramai autonomo, è diventato la nuova norma culturale del nostro tempo, “il desiderio che non desidera soddisfazione” e che vive con se stesso e per se stesso, cercando continuamente nuovi sogni, fantasie, aspirazioni senza una finalità o un limite. Mentre si legge il volumetto del sociologo polacco, di fronte a quella che lui descrive come una “rivoluzione senza emancipazione”, e all’impoverimento che ne consegue dei rapporti più intimi e umani, non si può fare a meno di pensare che nella storia della cultura non è la prima volta che uno di questi tre mondi cerca di autonomizzarsi. In altre epoche, sono stati il sesso o l’amore a fare questo tentativo. Con l’amor cortese furono “le fiamme azzurre” a liberarsi del legame con il fuoco. E qualcosa di simile avvenne con “l’amor romantico”. Quanto all’autonomia del sesso procreativo, essa era la regola in tante unioni coniugali fino a qualche decennio fa.

Ma è vero che oggi la rivoluzione riguarda l’erotismo.

Se c’è una causa, questa non è, come molti pensano, il mercato, cioè il fatto che l’erotismo si può comperare e vendere, e che da esso si possano trarre profitti. Le origini vanno cercate piuttosto nel crollo del modello di ordine sociale che i poteri moderni hanno costruito. La citazione di Foucault è d’obbligo. Le fabbriche, gli ospedali, le scuole, le caserme, sono stati per secoli produttori di ordine in quanto panottici, luoghi di controllo e di prescrizione. Se nella società postmoderna sono assenti gli stabilimenti industriali e le caserme – luoghi principali di produzione dell’ordine, soprattutto per il sesso maschile – crolla un modello di integrazione sociale che viene sostituito dalla seduzione, dalla pubblicità, dalla continua creazione di nuovi bisogni. Di qui il desiderio e il “desiderio del desiderio” come spinta costante e autonoma del vivere. Che – spiega ancora Bauman – si inserisce in una tendenza che domina in tutte le dimensioni della vita postmoderna: nella politica, nell’arte, nella cultura, nella quotidianità, in quella dimensione della frammentazione del tempo, delle esperienze disgiunte, in cui il presente non è mai collegato col passato e col futuro. Se il sesso, nell’unione di due persone mortali per proseguire nella specie, univa mortalità e immortalità; e se l’amore, che si sognava per sempre, riproponeva al di là del corpo un’esistenza eterna, l’erotismo vive solo nell’oggi e dell’oggi. Continua a leggere »

20 Gen 2017 Comunità Ebraiche

Moretto contro il fascista. Il ghetto di Roma come un ring

Un giovane pugile ebreo e un rigattiere collaborazionista sullo sfondo della Resistenza dei perseguitati nella Capitale occupata. Un libro di Molinari e Osti Guerrazzi.

Mirella Serri

A Roma nel dedalo di viuzze che circondano il Portico d’Ottavia, chiamato confidenzialmente la Piazza dagli ebrei romani, Elena era considerata una tipa un po’ stramba, una visionaria. A tarda sera del 15 ottobre 1943, tutta scarmigliata, cominciò a bussare alle porte delle case. Il suo obiettivo? Convocare i capi famiglia. Ma quasi nessuno le diede retta. All’alba del mattino dopo, quando le SS bloccarono via di Sant’Angelo in Peschiera, via del Teatro di Marcello e gli altri accessi al Ghetto, gli ebrei romani capirono che la «matta» aveva ragione e che era in atto quella retata dei nazisti a cui la donna li sollecitava a reagire. Ma come?
Non era impossibile. C’era qualcuno in quelle strade e in quelle piazze che, fin dalla data dell’emanazione delle leggi razziali, aveva cercato di far capire ai correligionari che la rassegnazione era un passaporto per l’aldilà: si trattava di Moretto, al secolo Pacifico Di Consiglio. Questo pugile dilettante fu così uno dei pochi ebrei a mettere in atto un’eccezionale strategia di sopravvivenza: adesso a ripercorrere la vicenda di questo piccolo-grande ribelle sono Maurizio Molinari e Amedeo Osti Guerrazzi in Duello nel Ghetto (in uscita per Rizzoli, pp. 265, 6euro; 20). Un romanzo-verità che con materiali d’archivio e testimonianze inedite ricostruisce, come recita il sottotitolo, «La sfida di un ebreo contro le bande nazifasciste nella Roma occupata».

Tra i diseredati

Il libro di Molinari e Osti Guerrazzi ridà anima e corpo al prestante Pacifico e al suo scontro all’ultimo sangue con Luigi Roselli, uno dei più crudeli collaborazionisti dei nazisti. Ma la vicenda all’Ok Corral tra Moretto e il fascista s’intreccia con una narrazione corale di cui fanno parte gli Spizzichino, i Di Segni, i Pavoncello, i Di Porto e tutti gli altri esponenti della Comunità ebraica romana, costituita in gran parte da diseredati, da coloro che praticavano i mestieri più umili e vari, dagli «stracciaroli» ai «ricordari» o «urtìsti» (quelli che vendono cartoline-ricordo e statuette nel centro capitolino buttandosi «a urto» sui turisti).

È tutto un mondo unito, solidale e colorato che frequenta il bar di Monte Savello e il ristorante Il Fantino in via della Tribuna Campitelli, e che diventa protagonista di una storia fino a oggi mai raccontata: la resistenza dei «dannati della terra», dì coloro che non se ne vanno, fieri di essere italiani e ebrei. Che, quando viene applicata la legislazione antisemita, non hanno rapporti con gli alti papaveri dei ministeri, non hanno aderenze o amici importanti che permettano loro dì essere «discriminati» e di scapolarsela di fronte ai provvedimenti razziali.

Che vogliono comunque dimostrare che Roma appartiene anche a loro e alla loro tradizione.
Se quindi, da un lato, l’ebreo Mario Fiorentini entra a far parte dei Gap, i Gruppi di Azione Patriottica del Partito comunista, Paolo Alatri da prima della guerra cela un deposito di armi e una tipografia clandestina e l’editore Ottolenghi crea un’organizzazione di combattenti, vi sono anche altri oppositori del regime, proprio come Moretto, ragazzo di bottega che dopo 1’8 settembre, privo di relazioni e di conoscenze, cerca senza riuscirci di aggregarsi ai primi gruppi di partigiani.

Da quando aveva compiuto 17 anni nel fatidico ’38 dell’emanazione delle leggi razziali, Pacifico era un perseguitato speciale: le camicie nere del quartiere, come Roselli di professione rigattiere, non tolleravano il suo disprezzo. Il pugile Pacifico era tale di nome ma non di fatto, i suoi uppercut erano ben mirati e non chinò mai la testa di fronte alle più violente smargiassate. Continua a leggere »

19 Gen 2017 Comunità Ebraiche, Shoah

Di batteri e di barbieri (una classica storia israeliana)

Israele, si sa, è chiamata la “Startup Nation”, in virtù del suo provato successo imprenditoriale e innovativo. Spesso questa caratteristica crea storie che coinvolgono le realtà più disparate…

Jo (Jonathan) si occupa di Ricerca e Sviluppo nel settore agroalimentare. Nel 2015 l’azienda per la quale lavora purtroppo va in crisi e crolla. Giocoforza, Jo si ritrova all’età di 55 anni a dover decidere “cosa far da grande”. Ovunque, farsi assumere a 55 anni da qualche parte non è affatto facile… ma siamo nella Startup Nation, no? Infatti Jo, ripresosi dalla botta, prende il suo geniale collega Vladimir, un ricercatore di origine ucraina con il quale stava lavorando ad un progetto stroncato dalla crisi aziendale e insieme, autofinanziandosi e stringendo la cinghia.… “startuppano”, avviando la “Yarok”.

Yarok sviluppa un sistema per individuare molto rapidamente pericolosi batteri nel cibo (in particolare nel “freschissimo”) e nell’ambiente di produzione delle industrie alimentari. In  brevissimo tempo il suo sistema sa individuare batteri tipo E.coli, Listeria, Salmonella, etc. (brutta roba… molto pericolosa).  In tal modo la startup israeliana offre una soluzione ad un grave problema, che minaccia i consumatori e le industrie.
Molti non sanno che quasi tutto il cibo fresco (ad es. frutta, verdura, latte, etc.) arriva sugli scaffali di vendita prima dell’arrivo dei risultati di eventuali analisi eseguite sul prodotto. Infatti gli attuali metodi di analisi (anche i cosiddetti “rapidi”) sono troppo lenti, rispetto all’esigenza di freschezza.
Per i consumatori, questo è potenzialmente pericoloso (l’ultimo più clamoroso caso riporta 2 “morti da rucola” in inghilterra (per E.coli).

Per le industrie, è una delle cause di costosi “richiami di prodotto”, talvolta “diversamente fatali”: infatti i piccoli produttori, dopo un “richiamo”, spesso vanno in rovina e son costretti a chiudere.

Steve Jobs docet: una startup che si rispetta nasce in un garage…  I nostri due eroi, non avendo un garage a disposizione, affitano l’ex bottega di un barbiere a Bat Yam, e, oscurandone la vetrina, la trasformano in un modesto ma efficiente laboratorio microbiologico.  Bat Yam è un piccolo comune a sud di Tel Aviv, povero e con molti tossicodipendenti… Oggi, il maggior timore dei nostri eroi è quello che i tossici locali vengano a rubare di notte, avendo sgamato che nella bottega vi è oggi un laboratorio di fortuna e pensando che la dentro facciano “‘robba bbuona” (tipo lo sceneggiato “Breaking Bad”, x chi lo ha visto).
Temono anche che la polizia faccia irruzione, per lo stesso motivo… ma cosa non si fa per la salute del consumatore.

Comunque, dopo un intenso lavoro, Yarok sviluppa un sistema che consente di avere i risultati delle analisi entro i tempi di un turno di produzione, ovvero prima che il prodotto venga inviato ai supermercati.
Dopo 45 minuti il sistema evidenzia primi affidabili risultati ed entro poche ore accerta se il prodotto è esente da pericolosi batteri (quindi se consegnabile evitando gli attuali rischi). In questo modo Yarok aiuta a proteggere sia il consumatore, sia i produttori.

Oggi Yarok sta percorrendo il classico percorso delle startup israeliane: interesse da parte dell’industria, attenzione da parte di possibili fondi di Venture Capital, insomma, è entrata in quel mondo che fa crescere l’innovazione e -appunto- le startup.
Bel colpo per i nostri eroi, che si consolavano pensando che, alla peggio, avrebbero comunque potuto imparare a fare barba e capelli a chi, ogni tanto, bussa alla porta del laboratorio, cercando il vecchio esercizio.

In questi giorni Yarok è stata selezionata (18 su 200) da Food+City, un organizzazione statunitense che promuove le startup che si occupano di food e urbanizzazione. Tra le sue varie iniziative, l’organizzazione chiede al pubblico di “votare” attraverso Facebook per la startup favorita, all’interno del gruppo internazionale prescelto. Yarok, ovviamente, rappresenta Israele.

Chi volesse fare un po’ di sionismo online, votando per i nostri “startuppisti”, puo’ farlo al link:
https://www.facebook.com/foodcityorg/app/126231547426086/?app_data=%7B%7D&pnref=story

Per saperne di più: www.yaroktt.com  /  Twitter: @yaroktt .

18 Gen 2017 Israele