Germania: allerta per l’antisemitismo | Kolòt-Voci

Germania: allerta per l’antisemitismo

La spinta della destra populista e dell’estremismo islamico preoccupa la comunità ebraica in Germania.

David Philippot

“Non passa una settimana senza che io o il mio ristorante siamo vittime di un atto malevolo, e non conosco nessuno nella mia comunità che non abbia dovuto subire insulti …”  Yorai Feinserg, ristoratore

BERLINO – Il corso sulle religioni monoteiste è andato in crisi in un collegio di Berlino. “Una sinagoga”, ha risposto Ferdinando alla domanda del professore sul nome dei luoghi di culto. Una domanda seguita da un’altra, dei suoi compagni? “Ma, tu sei ebreo?” I suoi ex compagni di classe non vogliono soltanto allontanarsi da lui, vogliono fargli vivere un inferno: “Insulti, minacce di morte, quasi-linciaggio, simulacro d’esecuzione – enumera tristemente suo padre. – Siamo rimasti scioccati dal disinteresse, se non dal fastidio, che abbiamo suscitato quando abbiamo denunciato questi fatti. In questa scuola “inclusiva”, con bambini di ogni ceto sociale ed etnia, abbiamo per di più dovuto subire i rimproveri dei genitori secondo i quali noi nuociamo alla buona reputazione della scuola, oppure sentire il direttore risponderci che non ha avuto il tempo di prendere dei provvedimenti perché era andato a un seminario sulla discriminazione … ” Questo direttore alla fine ammetterà di aver commesso un errore di valutazione, ma dopo tre mesi di molestie Ferdinand ha cambiato collegio.

Yorai Feinberg, un ristoratore aggredito e minacciato verbalmente all’inizio di dicembre da un residente ( “Solo il denaro v’interessa, andate tutti nel forno!”) si lamenta: “Non c’è una settimana senza che io o il mio ristorante non siamo vittime di un atto malevolo, di una telefonata minacciosa o di un graffito. E non conosco nessuno nella mia comunità che non abbia dovuto sopportare insulti o sputi … ” Il paese dell’Olocausto ufficialmente non registra focolai di atti antisemiti, circa 1500 all’anno, ma la sensazione è diversa.

Al Centro ebraico a Monaco di Baviera, che lei dirige, Charlotte Knobloch descrive una “comunità la cui esistenza sul suolo tedesco è in pericolo perché minacciata su più fronti: estremisti musulmani, di destra o di sinistra.” A 85 anni, questa sopravvissuta ai pogrom della Kristallnacht nota con stizza il “ritorno nei cortili delle scuole della parola ‘ebreo’ come un insulto, come da bambina”. L’arrivo di rifugiati “provenienti da paesi che negano l’esistenza di Israele” e la svolta politica dell’AfD elettrizzano l’atmosfera.

Secondo Wolfgang Benz, storico del Terzo Reich, “l’AFD è costituito da uno zoccolo duro di estrema destra, razzista e antisemita, che rappresenta il 5% degli elettori, a cui è venuto ad aggiungersi un 10% di popolazione insoddisfatta”. “Siamo lontani dalla maggioranza e questo non è un ritorno di Hitler alle porte del potere”, dice. Tuttavia, per la prima volta dalla guerra, dei responsabili di partito possono tenere discorsi antisemiti, non essere esclusi, e il loro partito entra nel Bundestag. “Il diritto di criticare le politiche di Israele esiste, ma ci accorgiamo che sta derivando molto rapidamente verso la negazione del diritto all’esistenza di Israele”, ha detto Josef Schuster, presidente del Consiglio centrale degli ebrei in Germania. Ne sono testimonianza le manifestazioni pro-palestinesi all’inizio di dicembre a Berlino, durante le quali le bandiere dello Stato ebraico sono state bruciate.

“I tedeschi hanno fatto un enorme lavoro di memoria, a differenza di molti popoli colpevoli di massacri etnici o genocidio, – dice Wenzel Michalski -, ma costruire un monumento agli ebrei assassinati non deve esentare dalla lotta all’antisemitismo quotidiano”. In risposta a ripetuti scandali, il Bundestag ha votato giovedì l’istituzione di un commissario governativo incaricato del coordinamento della lotta contro l’antisemitismo, una funzione che Angela Merkel vuole collocare sotto la diretta supervisione della Cancelleria. La proposta venuta dai banchi della destra di espellere ogni straniero colpevole di atti antisemiti ha riscosso meno unanimità.

“Che dire dei russi o dei polacchi tedeschi nati in Germania? – si chiede Dervis Hlzarcl, capo di un’associazione che combatte i pregiudizi nelle scuole. – Puntare il dito su una comunità è già un errore di lotta. Tutti gli studi dimostrano che l’antisemitismo è equamente distribuito in tutte le classi sociali e in tutti i paesi d’Europa “. Sawsan Chebli, socialdemocratico di origine palestinese, auspica che tutte le persone che vivono in Germania visitino un campo di concentramento. Il direttore del Memoriale del campo di Sachsenhausen vede anche un interesse educativo “se il processo è volontario e la visita è preparata. Con gli studenti delle scuole superiori a volte perdiamo un terzo della visita per rispondere a domande di base come la differenza tra democrazia e dittatura.”

La lotta contro l’idra antisemita sta riportando alcune vittorie. Il Libro bianco del campo non è più insozzato da svastiche e il memoriale non è più attaccato dai neonazisti, come negli anni ’90, a colpi di molotov o raffiche di armi automatiche. Il revisionismo e gli incitamenti all’odio stanno trovando maggiori difficoltà a farsi strada sui social network dopo l’adozione della legge anti-falsificazione all’inizio di gennaio. Il ristoratore Yorai Feinberg ha ricevuto più di 700 messaggi di sostegno da dicembre “da musulmani come da elettori di AfD”. Ma settantatré anni dopo Auschwitz, le istituzioni ebraiche restano ancora sotto la protezione della polizia.

(Le Figaro, 29 gennaio 2018 – trad. www.ilvangelo-israele.it)