I maiali di Gad Lerner | Kolòt-Voci

I maiali di Gad Lerner

Venerdì 24 gennaio sono state recapitate a tre diversi indirizzi (Comunità di Roma, Museo di Roma dove è in corso una mostra sulla Shoah e Ambasciata d’Israele) delle teste di maiale in segno di sfregio. Gad Lerner di sabato non trova niente di meglio che “solidarizzare” con i i maiali (qui il blog), salvo poi correggere il tiro domenica con un articolo su Repubblica (qui). Ma la reazione della rete non si fa attendere. Da un profilo anonimo di Facebook la feroce satira in dialetto qui riprodotta.

MaialeGuardate, io è vero che so’ gnorante come ‘na cucuzza, e ‘n sacco de cose nceeso’; pero’ che Gadde Lerne era animalista militante nuncioo sapevo propio. Me so’ commossa da vedè che èllunico cà sprecato du’ parole pe’ quei poveri maiali ch’hanno mannato ieri alli giudii de Roma.

Mi’ cognato m’ha detto: “Cecio’, lui è lesempio der militante tipico de ‘na certa sinistra: ‘na botta ar cerchio e una alla botte, ‘n piede per tera e uno sulla staffa, un po’ de qua en po’ dellà… Primo, se vergogna da esse ebbreo, magari da piccolo l’hanno preso per culo a scola per nasone tipico che cià, e ancora nun s’è rimesso. Poi, fa’ vedè che solidarizza colli giudii, je po’ portà pregiudizzio al lavoro, colla destra, colla sinistra, coli verdi, coi no tavve, coi proarabi, co’ limigrati, ‘nzomma co’ tutti.

Allora se propio deve fa’ narticolo pe’ parlà de ‘sta cosa oribbile ch’è successa, primo, cià er dovere da nominà li monzurmani pe’ fa vedè che è equo, anche se nun c’entreno un cazzo; poi, siccome ‘na parola de condanna la deve proferi’, e adaesse solidale co’ quarcuno, lunica cosa che je resta è er maiale. Naa capoccia sua, appare chiaro, che so’ sempre mejo li porci che li giudii.”

https://www.facebook.com/pages/Mi-cognato-mha-detto-che/107197372742484