Un Seder di Rosh Hashanà a Roma | Kolòt-Voci

Un Seder di Rosh Hashanà a Roma

Jacov Di Segni

Agitati e indaffarati so’ sto lunedì,

tutti li judimmi de Romi harabbadì,

Che è sto gran bavelle, un beridde, ‘na chuppà,

o forse semo già al monghedde de Rosh Hashanà?

Hai detto cosa vera, sor Sabbadi’,

è pe’ o Capodanno che stamo a ammatti’,

stasera c’ho o Seder, o stajo a preparà,

dopo ngharvidde a Scola Tempio sei invitato anche tu qua.

Che me voi dai ‘na mano, bello de zi’,

haio da compra ‘a robba scritta qui:

fichi, zucca, e porri, e ‘n po’ de temarimmi,

coste e fagiolini, e poi li rimmonimmi.

Annamo a prenne sta robba, vieni pure tu co’ mi,

famo na cosa veloce, che nun vedo l’ora de fini’;

e mentre che mi moglie coce ‘a testa der caprone,

troviamo pe’ monghed un bel pesce d’occasione.

Shanà Tovà e Ketivà vaChatimà Tovà